Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
23 mag 2022

Zuppi all’assemblea Cei, tra i favoriti alla presidenza

Il cardinale sarà oggi a Roma, i vescovi indicheranno una terna di nomi. L’altro candidato forte è Lojudice, la scelta finale però spetta al Papa

23 mag 2022
massimo selleri
Cronaca
Il cardinale Zuppi a Casteldebole
Il cardinale Zuppi a Casteldebole
Il cardinale Zuppi a Casteldebole
Il cardinale Zuppi a Casteldebole

di Massimo Selleri Oggi il cardinale Matteo Zuppi sarà a Roma per partecipare alla 76sima assemblea generale dei vescovi italiani che si chiuderà venerdì. Si tratta di un’assemblea particolare perché tra i punti all’ordine del giorno vi è anche l’elezione del nuovo presidente della Conferenza Episcopale Italiana che succederà a Gualtiero Bassetti. La modifica statutaria voluta dal papa Francesco nel 2014 prevede che si arrivi alla formulazione di una terna di nomi da sottoporre all’attenzione del Santo Padre il quale poi pescherà da questo ristrettissimo gruppo chi guiderà la Cei per i prossimi anni. Anche in diverse uscite pubbliche Bergoglio ha esplicitamente chiesto ai vescovi di indicargli il nome di tre cardinali, ma nella stesso incontro che oggi le eccellenze della Chiesa italiana avranno con papa Papa Francesco in forma privata, alcuni vescovi chiederanno di rendere meno rigida questa indicazione. Con il cardinale Angelo De Donatis che è vicario generale della diocesi di Roma e, quindi, non reggente e con il cardinale Giuseppe Petrocchi che l’anno prossimo compirà 75 anni e dovrà rimettere nelle mani del Pontefice il suo ufficio di arcivescovo dell’Aquila, ad oggi gli unici realmente eleggibili sono il cardinale Matteo Zuppi e il cardinale Augusto Paolo Lojudice. Siccome Bergoglio conosceva questa situazione anche prima di fornire l’indicazione di segnalare tre cardinali, evidentemente voleva che i due fossero nella terna. Del resto sono stati elevati al rango di stretto collaboratore del Papa, questo è il senso del ruolo di cardinale, a differenza degli arcivescovi di Milano, Torino e patriarca di Venezia, le cui sedi normalmente venivano indicate cardinalizie proprio perché chi era eletto a guidarle finiva poi per vestire la porpora. Premesso che fin dal seminario entrambi hanno caratterizzato il loro ministero sull’attenzione ai più deboli e ai più fragili, in una ipotetica staffetta su quello che deciderà ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?