Bologna, 28 dicembre 2020 - Anche il cardinale e arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, è risultato positivo al coronavirus. Asintomatico, ora è in isolamento domiciliare alla Casa del Clero di via Barberia dove vive. Il tampone è stato fatto domenica 27 al centro Ausl di via Boldrini: lo screening era stato attivato dopo diversi casi di positività tra i  religiosi che vivono nella struttura. Appena ha appreso del focolaio, Zuppi si è messo in auto-isolamento, annullando gli impegni: ieri, infati, non ha partecipato alla messa alla Sacra Famiglia al Meloncello: ha soltanto inviato l'omelia.

Bollettino Coronavirus oggi: dati Covid 28 dicembre. Contagi in Italia ed Emilia Romagna - Covid oggi a Bologna: una vittima e contagi dimezzati

 "Condivido la sofferenza e la situazione di alcuni e le difficoltà di tutti", dichiara l`arcivescovo, che in questi mesi ha sempre seguito scrupolosamente i protocolli di sicurezza: "Ho constatato come le autorità sanitarie continuino a svolgere quotidianamente il loro servizio per la cura delle persone e colgo l'occasione per raccomandare a tutti prudenza per la propria e l`altrui salute. Viviamo con fiducia anche questa prova, il Signore è vicino e ci sostiene sempre. Vi chiedo di pregare per gli ammalati, per il personale sanitario e per tutte le persone che ogni giorno soffrono a causa del covid e delle sue conseguenze".

image

"L’Arcivescovo continua a guidare la Diocesi con telefonate ed email ai  collaboratori, comunicazioni via social e incontri sulle nuove piattaforme online", assicura la Diocesi. Ma verrà necessariamente stravolto il calendario delle liturgie di fine anno: Zuppi non potrà presenziare, per esempio, al Te Deum in San Petronio di giovedì 31 e alla messa in San Pietro del’1 gennaio.

I vicari generali monsignor Stefano Ottani e monsignor Giovanni Silvagni hanno chiesto di pregare per l’Arcivescovo, per i sacerdoti colpiti dal covid e per tutti gli ammalati. "Le parrocchie e le chiese, dove sono state regolarmente celebrate le messe in questo periodo natalizio, continuano ad essere luoghi sicuri per la partecipazione dei fedeli alle liturgie, che avvengono nel rispetto dei protocolli e di tutte le norme di sicurezza anticovid", sottolinea la Diocesi.

Gli auguri di Merola

"Un abbraccio sincero (anche se a distanza) all'arcivescovo Zuppi. Forza don Matteo, Bologna ti e' vicina": è l'augurio che via social il sindaco di Bologna Virginio Merola