Gianni Morandi e la cannabis: “Non l’ho mai provata, ma ce l’ho davanti a casa a Bologna. E’ facile trovarla”

L’eterno ragazzo risponde alla provocazione di Fedez. “E’ canapa e la usano per scopi medici, ma non so dire se sia giusto legalizzarla”. E poi commenta il caso della foto strappata dal rapper: “Anche io usai diretta contro la censura”

Bologna, 11 febbraio 2023 – Settantotto anni, mentalità da ragazzino e la capacità di non essere mai praticamente fuori luogo. Gianni Morandi non si tira mai indietro, nemmeno quando si parla di cannabis. Già perché quando Fedez, in conferenza stampa a Sanremo, gli getta l’amo sul tema della legalizzazione, l’eterno ragazzo risponde: “Non l’ho mai provata, devo rimediare”, dice probabilmente con ironia.

Approfondisci:

Fedez a Sanremo strappa la foto del viceministro Bignami vestito da nazista

Fedez a Sanremo strappa la foto del viceministro Bignami vestito da nazista

Ciò che ha notato il cantante però è che non è così difficile trovarla: “Davanti a casa mia a Bologna (San Lazzaro, ndr) coltivano la canapa (evidentemente di quella legale, ndr) e io sento questo profumo, la usano anche per medicina, chi la vuole usare la usa, io non so rispondere se sia giusto legalizzare ha aggiunto più seriamente -. Intanto chi la vuole trovare, la trova".

Leggi anche Morandi e Sangiovanni fanno ballare l’Ariston

"Anche io usai la diretta contro la censura”

E’ ancora lunga la scia del caso Fedez, dopo che il rapper, in diretta ha strappato la foto del viceministro FdI Galeazzo Bignami, assumendosene la responsabilità.  “Quando uscì 'C'era un ragazzo' – racconta poi Morandi -, la radio della Rai censurò il pezzo perché non volevano che si dicesse 'è morto nel Vietnam'. Non la mandavano in onda. Ma c'era un festival, il Festival delle Rose, dove andai. Era in diretta. Io ci andai e cantai è 'morto nel Vietnam'". Amadeus ha aggiunto: "Se lo avesse fatto nel mio festival, glielo avrei lasciato fare".

Approfondisci:

Foto del viceministro Bignami strappata a Sanremo, la Rai: “Fedez si era rifiutato di consegnare il nuovo testo della performance”