Quotidiano Nazionale logo
11 gen 2022

Bologna, la Pinacoteca cerca il rilancio: arriva la 'Sibilla'

La direttrice Maria Luisa Pacelli: "Ospiteremo il capolavoro del Domenichino e Raffaello"

nicoletta barberini mengoli
Cultura
Maria Luisa Pacelli, direttrice della Pinacoteca. A sinistra, la ’Sibilla’ di Domenichino dalla Galleria Borghese
Maria Luisa Pacelli, direttrice della Pinacoteca. A sinistra, la ’Sibilla’ di Domenichino dalla Galleria Borghese
La ’Sibilla’ di Domenichino dalla Galleria Borghese

Bologna, 11 gennaio 2022 - La Pinacoteca custodisce un patrimonio unico, è la più importante collezione pubblica di arte bolognese al mondo, eppure troppo pochi (bolognesi e turisti) la frequentano. Dunque, va colta l’opportunità dell’autonomia per ricollocarla al centro della vita cittadina e tra le istituzioni principali dello scenario nazionale ed internazionale. Maria Luisa Pacelli , direttrice della Pinacoteca da novembre 2020, proveniente da Ferrara dove dirigeva i Musei Civici di Arte moderna e Palazzo dei Diamanti, ha già le idee chiare su cosa bisogna fare. Che idee ha per il rilancio? "Spalancando le porte. Da una parte, attraverso attività incentrate sul patrimonio del museo, in modo che si crei la consapevolezza nei bolognesi che la Pinacoteca è casa loro; dall’altra stabilendo rapporti e sviluppando progetti con i molti interlocutori culturali e sociali della città". Ci può fare qualche esempio? "Si è già parlato della recente collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, ma i rapporti sono altrettanto buoni con il Comune e con altre istituzioni che appartengono al variegato tessuto dell’associazionismo con vocazione culturale e sociale". Quali sono i progetti in corso che coinvolgono Pinacoteca e Comune? "Il più importante interessa Palazzo Pepoli Campogrande di via Castiglione. Luogo di grande valore artistico, ospita una delle sedi della Pinacoteca in ambienti di proprietà del Comune. Stiamo sviluppando un progetto di rilancio del sito, che prevede una riqualificazione del percorso espositivo e dell’area destinata ai depositi, con un’attenzione particolare ai temi dell’accessibilità fisica e cognitiva". Quali sono le criticità della Pinacoteca, pandemia a parte? "La grave carenza di personale, che per il momento non consente ulteriori orari di aperture, oltre a rendere comunque difficoltosa la gestione ordinaria e straordinaria. Contiamo però di fare passi avanti importanti entro la prima parte dell’anno. Si prevedono anche conclusioni di concorsi che permetteranno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?