Quotidiano Nazionale logo
23 dic 2021

Sofia Bonvicini: "L’Uomo di Tsushima è tornato. Ecco il genio di mio padre"

La figlia di ‘Bonvi’ racconta il significato della ripubblicazione del fumetto "Una storia incredibile, dove emergono le sue grandi passioni. E che avventura"

benedetta cucci
Cultura
Sofia Bonvicini, figlia di ‘Bonvi’, con il fumetto ripubblicato per Nona Arte
Sofia Bonvicini, figlia di ‘Bonvi’, con il fumetto ripubblicato per Nona Arte

Bologna, 23 dicembre 2021 - Nello studio di suo padre, in via Rizzoli, poteva aprire e sfogliare tutto, ma guai a toccare le tavole de L’Uomo di Tsushima. Sofia Bonvicini ricorda benissimo il tempo passato con Bonvi, come lei chiama – come tutti noi – quel papà-artista speciale, che mancò troppo presto nel 1995, a soli 54 anni, quando lei ne aveva solo 11. Ma non è la lunghezza delle stagioni, a volte, a fare la pienezza di una relazione, bensì l’intensità di una condivisione del quotidiano. Ed è diventata proprio Sofia, ormai da tanti anni, la curatrice dell’archivio del geniale maestro di un’epoca, che amò tantissimo il suo Uomo di Tsushima, pubblicato nel 1978 come tredicesimo volume di Un uomo un’avventura , la collana più all’avanguardia dell’epoca, edita da Cepim, oggi Sergio Bonelli Editore. Quarantatré anni dopo, Sofia Bonvicini ha la soddisfazione di vedere ripubblicato questo libro per i tipi di Nona Arte. Sofia, perché questo libro è così importante? "Perché emerge la grande passione di Bonvi per la storia. Da intellettuale quale era, naturalmente non allineato e non riconosciuto, con la sua anarchia innata, racconta la storia e scrive una ‘piccola opera letteraria’, più che un fumetto". Un capitolo paradossale, che non poteva non affascinare Bonvi. "Sì, perché racconta la guerra russo-giapponese, in particolare dell’ultimo scontro navale tra le due potenze, che avvenne nel 1905 nello stretto al largo dell’Isola di Tsushima e si tratta di un episodio abbastanza inverosimile, poiché le navi russe furono state distrutte dall’esercito giapponese, ma andarono anche incontro a un’autodistruzione. Questa è la storia, ma Bonvi la fa sua". Come? "Si trasforma in Jack London e narra l’episodio in differita, anni dopo, quando si ritrova, impersonando Jack London, sulle rive del Brasile dove incontra una strega, una ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?