Big - Boost Innovation Garage, iniziativa della Fondazione Carisbo
Big - Boost Innovation Garage, iniziativa della Fondazione Carisbo

Bologna, 4 novembre 2021 - La nuova Legge finanziaria aumenta le risorse che la Fondazione Carisbo mette a disposizione della città nel 2022. Si stima infatti in sei milioni la cifra in arrivo a Casa Saraceni grazie alla revisione del regime di tassazione sui dividendi. Questo "fondo da imposta Ires non dovuta" dovrà essere utilizzato "per finanziare e sviluppare il sostegno di iniziative a diretto vantaggio delle comunità" di riferimento. Questo ‘tesoretto’ di sei milioni, disponibile nei primi mesi del prossimo anno, si aggiunge ai 12 milioni già impegnati dalla Fondazione Carisbo con il Documento programmatico previsionale 2022, approvato all’unanimità dal Collegio di indirizzo il 29 ottobre.

Alla cifra di 12 milioni si è arrivati "dopo aver esaminato lo scenario complessivo e aver considerato il contesto economico e finanziario di fine 2020, nonché il preconsuntivo dell’esercizio 2021".

Tali risorse derivano dalla migliore combinazione tra politiche erogative e strategia di investimento. Si bilancia così la duplice esigenza di "stabilizzare e preservare nel tempo sia la capacità reddituale a tutela del patrimonio, sia la capacità erogativa, così da supportare in modo economicamente sostenibile l’attività istituzionale".

La ripartizione delle risorse disponibili e gli strumenti per l’attività erogativa 2022 della Fondazione Carisbo vengono declinati secondo tre macro-obiettivi, in coerenza con le "grandi aree tematiche" definite dallo Statuto: Persone (volontariato, filantropia, beneficenza), Cultura (arte, attività e beni culturali) e Sviluppo (ricerca scientifica e tecnologica; educazione, istruzione e formazione).

Obiettivo Persone : stanziati 5,1 milioni (42,5% delle risorse disponibili), declinati nelle missioni prioritarie ‘Sostenere l’inclusione sociale’ e ‘Diventare comunità’, attraverso i seguenti strumenti: tre bandi: Servizi alla persona (400mila euro); Welfare di comunità e generativo (600mila); Emergenze (100mila). Iniziative e progetti diretti: Centro per il ‘Dopo di noi’ e multiutenza di Argelato (150mila euro); Student housing (un milione di euro). Ancora, azioni trasversali e di sistema: interventi di edilizia sociale (in collaborazione con Comune e Città metropolitana); Insieme (in collaborazione con Arcidiocesi e Caritas); Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile, Fondazione ‘Con il Sud’, Fondo regionale per le aree in difficoltà (1,6 milioni).

Obiettivo Cultura: impegno di 4,4 milioni (36,6% delle risorse disponibili), declinati nelle missioni prioritarie ‘Creare attrattività’ e ‘Favorire la partecipazione attiva’ attraverso: un bando (Riscopriamo la città, 300mila euro); iniziative e progetti diretti (Società Museo della Città - progetto Genus Bononiae (3 milioni); valorizzazione del patrimonio artistico della Fondazione, conservazione ed esposizione (300mila euro); progetti Dono e Digital library (80mila); Casa Marconi (40mila). Ancora: azioni trasversali e di sistema: (Teatro Comunale, 430mila euro); interventi pluriennali (tra cui Regia Accademia filarmonica, Trust per l’arte contemporanea, 250mila euro).

Obiettivo Sviluppo: 2,5 milioni (20,9% delle risorse disponibili), declinati nelle missioni prioritarie ‘Formazione del capitale umano’ e ‘Valorizzare la ricerca e accelerare l’innovazione’ con tre bandi (Innovazione scolastica, 400mila euro); Rigeneriamoci (250mila); Ricerca medica e alta tecnologia (500mila).
Iniziative e progetti diretti: Big - Boost Innovation Garage (150mila euro); Lifes – Lavoro, integrazione, formazione, empowerment , sostenibilità (200mila, FormazionEuropa (70mila euro); Tutoring (20mila); Riflessi. Progetti e visioni promosse da Fondazione Carisbo (60mila euro).

Le azioni trasversali e di sistema: Ricercatori ed Erc (in collaborazione con l’Alma Mater, 500mila euro); Campus (in collaborazione con Bologna Business School, 200mila); interventi pluriennali (tra cui Castagneto Didattico in collaborazione con l’Accademia nazionale di agricoltura, 150mila euro).