Il palazzo dove ha sede la Gd in Santa Viola
Il palazzo dove ha sede la Gd in Santa Viola

Bologna 21 febbraio 2019 - Sarà più ricca la busta paga di febbraio per i dipendenti della Gd, azienda di Bologna leader mondiale nel packaging, che otterranno un cospicuo premio di produzione. Si tratta della “Quota 2” del premio 2018, la cui prima parte era già arrivata in busta paga lo scorso luglio. In tutto tra l’estate scorsa e questo inverno un lavoratore dipendente inquadrato al quinto livello, ha guadagnato 2.900 euro in più.

Il premio di febbario è arrivato sulla base di quattro indicatori e grazie al che gli obiettivi previsti dal contratto aziendale. Inoltre, grazie ad un apposito accordo, i lavoratori possono chiedere di convertire una parte di “Quota 2”. Sottolinea la Raprresentanza sindacale unitaria insieme a Fim-Fiom-Uilm, che grazie al contratto integrativo sul premio si può applicare la «tassazione agevolata al 10%, come previsto dalla normativa fiscale per i lavoratori che ne hanno titolo».

Insomma, il tanto contestato accordo integrativo aziendale del 2017, firmato dai confederali e approvato di un soffio dal referendum in fabbrica con l’opposizione di Usb (poi divenuto primo sindacato in azienda), oggi dimostra i suoi vantaggi. Le tre sigle dei metalmeccanici, infatti, non nascondono “la soddisfazione per il pieno raggiungimento di tutti gli obiettivi e per la conseguente erogazione al 100% premio di risultato, a testimonianza del buon lavoro svolto nella contrattazione, un lavoro di cui si vedono i frutti in diversi ambiti della vita aziendale”.