Crespellano (Bologna), 26 ottobre 2021 - La struttura sarà operativa entro fine 2021, ma intanto oggi è arrivato il taglio del nastro. Philip Morris ha inaugurato a Crespellano il suo nuovo centro per l’eccellenza industriale: si tratta del più grande del gruppo ed è dedicato a industrializzazione, innovazione di processo, ingegnerizzazione e sostenibilità.

Un tassello che fa da cardine a un piano triennale di investimenti in Italia pari a circa 600 milioni, collegati ai nuovi prodotti senza combustione. L’impatto occupazionale stimato è di circa 8mila posti di lavoro diretti, indiretti e indotto lungo la filiera. Il nuovo hub, praticamente una ‘fabbrica delle fabbriche’, supporterà il centro ricerca e sviluppo globale di Philip Morris a Neuchatel, in Svizzera.

Taglio del nastro alla Philip Morris di Crespellano

Nel centro saranno coinvolte oltre 250 persone altamente qualificate, tra lavoratori già presenti nel sito bolognese, nuove assunzioni e trasferimenti di personale da altre affiliate del gruppo.

“Bologna è oggi per noi il faro di referenza dei processi di ingegneria e di manifattura di Philip Morris mondialmente, ma probabilmente dell’industria intera - commenta Massimo Andolina, senior vicepresident operations di Philip Morris International -. La centralità di questo polo produttivo oggi si rafforza con questo ulteriore investimento”.

Bologna, per Andolina, “è il sito che tutti da tutte le parti del mondo vengono a visitare per apprendere. È quello che noi chiamiamo ‘la costruzione della fabbrica del futuro’”.

false

Per il presidente e ad di Philip Morris Italia Marco Hannappel, “l'idea della fabbrica del futuro è un pensiero che ci ha preso quando pensavamo a cosa succederebbe se, oltre ai muscoli di questo stabilimento, il più grande al mondo, aggiungessimo delle azioni che creano un ecosistema virtuoso e crea qui un polo eccellenza per il futuro, una fabbrica che può creare le fabbriche del futuro".

Presenti all’inaugurazione anche il presidente della Regione Stefano Bonaccini, che definisce l’investimento di Philip Morris “la prosecuzione di tanti investimenti che qui vengono prodotti e moltiplicati in ogni anno”, il sindaco di Bologna Matteo Lepore e il cardinale Matteo Zuppi. Sono intervenuti, in video, anche il ministro allo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e il ministro Luigi Di Maio.

All’inaugurazione inoltre hanno preso parte l'assessore regionale alle Attività produttive, Vincenzo Colla, il direttore generale dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli, Marcello Minenna, il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, il sottosegretario alle Politiche agricole, Gianmarco Centinaio e, da remoto, il sottosegretario all’Economia Federico Freni.