Da sinistra, il rettore dell’Alma Mater, Francesco Ubertini, Christian Burattini, il presidente di Unindustria, Alberto Vacchi, Andrea Taglini, il direttore di Qn-il Resto del Carlino, Andrea Cangini, l’architetto Elena Zacchiroli Mascagni
Da sinistra, il rettore dell’Alma Mater, Francesco Ubertini, Christian Burattini, il presidente di Unindustria, Alberto Vacchi, Andrea Taglini, il direttore di Qn-il Resto del Carlino, Andrea Cangini, l’architetto Elena Zacchiroli Mascagni

Bologna, 13 novembre 2015 - È la Easysnap Technology l’azienda vincitrice della quarta edizione Premio Paolo Mascagni (foto e video), organizzato da il Resto del Carlino e Unindustria e dedicato alle imprese che crescono. Nata nel 2002, l’azienda dei giovanissimi Andrea Taglini (37 anni, 24 all’inizio dell’avventura) e Christian Burattini (39 anni, e 26 agli esordi) si è imposta sul mercato internazionale con un’idea brevettata in tutto il mondo: la confezione monodose apribile con il gesto di una sola mano e - ovviamente - le macchine automatiche in grado di produrla in serie.

Grazie a questa intuizione, sposata in Italia e nel mondo da marchi come Ponti, Clarins, Gojo, Purell, Barilla e molti altri, la Easysnap da San Giovanni in Persiceto è arrivata impiegare 40 dipendenti, a fatturare 4 milioni di euro solo lo scorso anno, il 95% del quale proveniente dall’estero e il 30% subito reinvestito in ricerca e sviluppo.

Nel frattempo lo scorso ottobre si è accorta di loro anche la Arcade Beauty, colosso americano delle confezioni monodose nella cosmetica, che – entusiasta dell’intuizione bolognese –, ha acquisito il 30% della società e ha aperto loro il mercato della cosmesi.

Siamo molto felici di questo premio – hanno spiegato ieri Andrea Taglini e Christian Burattini –, visibilmente emozionati. In questi anni siamo andati per il mondo e abbiamo avuto molte soddisfazioni, ma l’orgoglio di essere premiati dalla propria terra, così ricca di aziende storiche che per noi sono sempre stati punti di riferimento, ci stupisce e ci inorgoglisce’’.

In quattro anni il premio dedicato alla memoria dell’imprenditore Paolo Mascagni ha raccontato sulle pagine del Carlino, settimana dopo settimana, 164 storie aziendali. Quaranta i partecipanti di quest’anno, che insieme generano oltre 350milioni fatturato annuo, occupano oltre 2000 dipendenti, hanno una media di export aggregato pari al 30% e crescono, di media, 15% ogni anno.