Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

Stipendi Bologna, la fotografia: operai e dirigenti separati da 400 euro al giorno

Salari a confronto in città e provincia: si va da un minimo di 80 euro lordi ai quasi 500 guadagnati da un manager di azienda

14 giu 2022
featured image
Stipendi a Bologna, il grafico
featured image
Stipendi a Bologna, il grafico

Bologna, 15 giugno 2022 -  Quattrocento euro al giorno. È la differenza tra la paga di un operaio medio della provincia di Bologna e un dirigente. La media (si parla di lordo) è calcolata ‘alla grossa’, ovvero dividendo le retribuzioni totali prodotte sul territorio per il numero di giornate lavorate. Una bella forbice: un operaio guadagna sugli 80 euro lordi giornalieri, ed ha una busta paga di quasi sette volte più bassa di un dirigente (493 euro). Numeri che colpiscono, non diversi peraltro da quelli di altre città (a Milano, per dire, il divario supera i 450 euro). In dettaglio , impiegati e quadri stanno in mezzo a questa piramide, rispettivamente con 104 e 211 euro circa al giorno (sempre lordi), mentre gli apprendisti stanno in fondo, con meno di 65 euro. Quello tra i vertici e la base di questa piramide, però, non è l’unica disparità che emerge dai dati elaborati dall’Osservatorio retribuzioni dell’Inps. L’altra, comunque molto forte, riguarda il genere. Tra gli stipendi dei lavoratori e delle lavoratrici, infatti, la differenza può essere anche del 30%. Un esempio? Prendiamo la categoria degli operai: la media giornaliera è di oltre 86 euro (sempre lordi), mentre quella delle colleghe femmine si ferma poco oltre i 61 euro. Anche nelle posizioni apicali il divario rimane: un dirigente uomo di un’azienda privata in provincia di Bologna è oltre i 500 euro al giorno di retribuzione media (il calcolo è sempre quello iniziale), mentre una donna non va oltre i 415 euro. Una differenza che - nonostante i contratti nazionali non dovrebbero fare differenze - trova la sua origine nel maggiore uso del part time (spesso obbligato) per le lavoratrici e nel diverso inquadramento di queste ultime (anche a parità di mansione) rispetto ai colleghi maschi. Ma non solo. Se poi si passa alle ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?