Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 apr 2022

Bologna Fc, Barrow: "Mihajlovic, ora prego per te"

"Sento tanto l’assenza del mister: mi mancano le sue urla e i suoi consigli. Senza di lui è davvero dura"

8 apr 2022
marcello giordano
Sport
Musa Barrow, 23 anni, lunedì è tornato in campo contro il Milan, a San Siro, dimostrando di essere sulla strada buona per il recupero completo (Schicchi)
Musa Barrow, 23 anni, lunedì è tornato in campo contro il Milan
Musa Barrow, 23 anni, lunedì è tornato in campo contro il Milan, a San Siro, dimostrando di essere sulla strada buona per il recupero completo (Schicchi)
Musa Barrow, 23 anni, lunedì è tornato in campo contro il Milan

Bologna, 8 aprile 2022 - Che il Bologna, dopo l’annuncio della ricaduta di Sinisa, si sia scosso e abbia prodotto a San Siro la miglior gara del girone di ritorno, se non dell’intero campionato, è un fatto.

Ma non andate a raccontare a Musa Barrow che senza Sinisa in panchina sia più facile scendere in campo: "Io la sua assenza la sento tanto. Anzi, tutti la sentiamo tanto, io tantissimo. Mi mancano le sue urla quando sbaglio, sentirlo mi aiuta, mi fa sentire appoggiato. Senza di lui sarà dura".

Bologna, un tesoretto a centrocampo

Sarà anche un cammino che dovrà responsabilizzare i rossoblù, Barrow incluso, che a San Siro è tornato a splendere, sempre con l’idea in testa di Sinisa, al quale rivolge un pensiero dai microfoni di Bfc Tv, settimanale del Bologna calcio.

"Mister mi manchi, io prego per te e perché tu possa guarire velocemente e tornare con noi". Preghiere e digiuno, in tempi di ramadan per Barrow, musulmano osservante: "Ma il digiuno non è un problema, ormai ci sono abituato, noi musulmani ce lo abbiamo dentro. E poi giocare di sera aiuta perché prima possiamo mangiare qualcosa".

Sarà così anche con la Sampdoria lunedì sera, secondo posticipo consecutivo per il Bologna: "E questa volta voglio vincere a tutti i costi", spiega Musa, che della gara con il Milan si tiene stretto soprattutto una cosa: "Abbiamo e ho mosso molto bene il pallone da destra a sinistra, creando molte occasioni. La prestazione di tutti è stata ottima. Ci è mancato solo il gol, ma si tratta di insistere, dobbiamo giocare così anche con la Samp".

E il gol e la vittoria arriveranno, pare essere la chiosa. Chiosa che include una speranza: "E’ stato bellissimo giocare davanti ai 60mila spettatori di San Siro. Ora speriamo di regalare una gioia ai nostri tifosi e al mister. Io prego per lui". E c’è da scommettere che Sinisa gli chiederà anche di segnare per lui lunedì sera.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?