Il gol di Mattia Destro (LaPresse)
Il gol di Mattia Destro (LaPresse)

Bologna, 10 febbraio 2019 – Il Grifone riesce a domare un Bologna positivo e che piace ai suoi tifosi. Al Dall’Ara finisce 1 a 1 (foto) il lunch match tra la squadra di Sinisa Mihajlovic e il Genoa: dopo il vantaggio iniziale firmato da Mattia Destro, a secco da più di un anno, è Lerager a ristabilire la parità, sempre nel primo tempo. La ripresa si fa più divertente e ricca di emozioni, con Radu chiamato a un paio di parate ‘salva-risultato’, riuscendo a far tornare i suoi a Genova con un punto. Per Mihajlovic il bottino recita 4 punti in due partite, con la gara di Roma nel mirino: all’Olimpico, contro i giallorossi, non ci sarà Palacio, squalificato. 

Leggi anche: Mihajlovic: "Abbiamo avuto paura di vincere"

Mihajlovic rimane fedele al suo 4-2-3-1, con Mattiello che torna titolare dopo la squalifica togliendo il posto a Dijks; in avanti spazio a Destro supportato da Edera, al debutto, e da Palacio. Per Prandelli largo alla velocità nel tridente offensivo, con Sanabria che verrà aiutato da Kouamè e Lazovic; la defezione dell’ultimo minuto riguarda Rolon, costretto a dare forfait e sostituito da Veloso. 

La prima occasione pericolosa la crea Poli, dopo il buon assist di Soriano, ma il tiro del capitano rossoblù dopo nemmeno sette minuti finisce a lato. Poi, al diciassettesimo, Destro sbuca alle spalle di Zukanovic, salta più in alto di Radu e insacca la palla di testa portando avanti i suoi e ritrovando un gol che mancava da più di un anno; anche in quel caso la vittima era stata la sua ex squadra, il Genoa. Al 31’ il Genoa si sveglia sull’asse Kouamè-Sanabria, ma la conclusione del centravanti paraguaiano è respinta da Skorupski. Due minuti dopo il Bologna si addormenta e da corner, battuto ottimamente da Lazovic, il Genoa torna in parità grazie alla rete di testa di Lerager che, al momento della conclusione, non ha trovato opposizione. 

La ripresa si apre senza cambi da entrambe le parti ma con l’incredibile occasione per Edera che, con una staffilata mancina da corner, chiama al grande intervento Radu. Al 13’ del secondo tempo è Palacio il primo che finisce sul taccuino dell’arbitro Rocchi: l’argentino, diffidato, salterà la trasferta in casa della Roma. Il Genoa torna a farsi pericoloso con Kouamè che, da corner, impensierisce Skorupski di testa, con il portiere polacco che trova l’aiuto anche della traversa per allontanare il pericolo.

Dopo la consueta girandola di cambi, con Mihajlovic che prova a dare nuova verve all’attacco con Santander e Sansone, è proprio il Bologna a provare ad azzannare l’avversario, ma la conclusione in anticipo del Ropero non trova la fortuna sperata. A cinque dal termine l’azione manovrata e partita dai piedi di Pulgar, con la torre aerea di Palacio e la conclusione di mancino di Soriano non trova lo specchio.

In due minuti Danilo va vicinissimo al vantaggio, sempre da azione di calcio d’angolo: prima con un colpo di testa che la traversa salva, poi con una conclusione di destro violenta che Radu riesce a respingere. Il match si chiude con la punizione tesa di Pulgar all’ultimo respiro sulla quale, ancora una volta, Radu riesce a mettere i guantoni. 

Il tabellino della gara 

Bologna-Genoa 1-1 

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Gonzalez, Danilo, Mattiello; Pulgar, Poli (32’ st Dzemaili); Edera (25’ st Sansone), Soriano, Palacio; Destro (15’ st Santander). A disposizione: Da Costa, Dijks, Helander, Calabresi, Nagy, Donsah, Svanberg, Krejcì, Falcinelli. Allenatore: S. Mihajlovic. 

Genoa (4-1-4-1): Radu; Biraschi, Gunter, Zukanovic, Criscito; Radovanovic; Lazovic (38’ st Pereira), Lerager, Veloso (34’ st Bessa), Kouamè (45’ st Pezzella); Sanabria. A disposizione: Marchetti, Jandrei, Candela, Lakicevic, Rolon, Rovella, Schafer, Pandev, Dalmonte. Allenatore: C. Prandelli. 

Arbitro: Rocchi di Firenze. 
Reti: 17’ pt Destro (B), 33’ pt Lerager (G) 
Ammoniti: Palacio (B), Lazovic (G), Mbaye (B), Sanabria (G) 
Note: recupero: 4’ st 

Clicca qui per rivivere la partita minuto per minuto - Risultati e classifica aggiornata

 

Leggi ancheTutto il Bologna lo ricorda Niccolò Galli / FOTO

GALLI_36869077_165226