Il rigore fallito da Sansone (foto Ansa)
Il rigore fallito da Sansone (foto Ansa)

Bologna, 25 settembre 2019 – Traversa regina a Genova: da una parte quella che ha salvato il Bologna, nel primo tempo, dalla punizione, dall’altra quella (la stessa) che nella ripresa ha respinto il rigore di Sansone, battuto male a una decina di minuti dal termine. Qualche rimpianto il Bologna se lo porterà a casa dalla trasferta di Marassi, dopo lo 0-0 di stasera (foto): le occasioni, tutto sommato, ci sono state, ma la precisione sottoporta è stata la grande assente di serata.

Otto punti, in ogni caso, sono un bottino di buon rispetto: a Udine, domenica, bisognerà però tornare alla vittoria, prima che la delusione si faccia spazio nella testa dei giocatori del Bologna, ancora feriti, crediamo, dalla sconfitta all'ultimo minuto contro la Roma.

LEGGI ANCHE De Leo: "Sinisa era arrabbiato"

Emozioni da ex per Palacio, che ritrova una maglia da titolare dopo la panchina contro la Roma; a sinistra, al posto di Dijks, c’è invece Krejcì, preferito a Mbaye. Pronti via e giallo per Tomiyasu, che atterra Barreca dopo aver controllato male un pallone: dal calcio piazzato arriva il primo brivido per il Bologna, con Schone che tenta la fortuna da fuori non inquadrando la porta.

Il Bologna prova a svegliarsi nel primo quarto d’ora, con Palacio e Soriano che tentano di bucare Radu, prima del gol annullato a Sansone per netto fuorigioco. L’avvio tutto sommato coraggioso degli ospiti rischia di essere vanificato alla mezz’ora: Schone sulla palla, punizione quasi perfetta e traversa piena, che salva Skorupski e compagni.

La ripresa, dopo un primo tempo fatto di improvvisi aumenti di ritmo, si apre con una maggior intensità da parte di entrambe le squadre, vogliose di trovare al più presto la rete del vantaggio, con Sansone e Barreca sugli scudi. Il primo cambio del Bologna vede uscire Palacio, il temuto ex, applauditissimo nel momento in cui ha lasciato il campo, per Santander. Poi, d’improvviso, rigore: Soriano anticipa Schone e si guadagna il penalty, il secondo dopo quello di domenica. Dal dischetto Sansone, che tenta il pallonetto: la traversa al 78'dice no, con gli undici metri che non sorridono ai rossoblù. Nel Bologna giù Poli, a 3’ dalla fine, per Skov Olsen, con Soriano che pochi minuti prima fallisce la chance del vantaggio, ma gli ultimi istanti vedono solamente la partita avviarsi verso il pareggio finale.

Il tabellino

Genoa-Bologna 0-0

Genoa (3-5-2): Radu; Romero, Zapata, Criscito; Ghiglione, Schone (36’ st Favilli), Radovanovic, Lerager, Barreca (37’ st Pajac); Kouamè, Pinamonti (23’ st Saponara). Allenatore: A. Andreazzoli. A disposizione: Marchetti, Jandrei, Sanabria, El Yamiq, Jagiello, Pandev, Agudelo, Cassata, Ankersen.

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Bani, Denswil, Krejcì; Medel, Poli (42’ st Skov Olsen); Orsolini, Soriano (45’ st Dzemaili), Sansone; Palacio (26’ st Santander). Allenatore: S. Mihajlovic. A disposizione: Da Costa, Sarr, Paz, Mbaye, Destro, Corbo, Schouten, Svanberg.

Note: Ammoniti Lerager, Zapata, Ghiglione, Romero, Radovanovic (G), Tomiyasu, Denswil, Poli, Skov Olsen (B). Recupero: 0’ pt, 3’ st.
Arbitro: Massa di Imperia.

 

Genoa Bologna, rivivi il match