Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Italia Polonia 2018, Mancini e Chiellini: "Non vediamo l'ora di iniziare"

Nations League: il ct della Nazionale torna 37 anni allo stadio Dall'Ara dove, il 6 settembre del 1981 debuttò non ancora 17enne, in Coppa Italia con la maglia del Bologna

 

di DARIO CERVELLATI
Ultimo aggiornamento il 7 settembre 2018 alle 07:48
Manicini in campo al Dall'Ara (foto Schicchi)

Bologna, 6 settembre 2018 - Il 6 settembre 1981 Roberto Mancini, non ancora 17enne, esordiva in Coppa Italia con la maglia del Bologna (FOTO). Cornice del suo debutto lo stadio Renato Dall'Ara. Il 6 settembre 2018, esattamente 37 anni dopo, Roberto Mancini si trova di nuovo allo stadio Dall'Ara questa volta però per presentare l'esordio della Nazionale nella Nations League di domani sera alle ore 20.45. Un doppio nodo che lega Mancini a Bologna e che diventa ancora più stretto se si pensa che nel 1986 l'attuale Ct entrò al Dall'Ara con la magia azzurra nella gara contro la Grecia: “Ero giovanissimo- ricorda-, e sono emozioni diverse, ma è chiaro che domani sarà per me una partita speciale”. Una partita da giocare per i 3 punti: “Non vediamo l'ora di iniziare- dice Mancini alla vigilia della sfida con la Polonia. Giocheremo per vincerla”.

La mentalità vincente e la possibilità di poter giocare partite importanti al posto delle amichevoli devono essere basi importanti per l'Italia di Mancini: “Abituarsi a giocare per i 3 punti è importante, soprattutto per i tanti ragazzi giovani- spiega. Si affrontano avversari sulla carta migliori di noi, ma si deve giocare per vincere il girone”. Se non si sbottona sul modulo, “l'importante è l'atteggiamento con cui si va in campo” dice, Roberto Mancini fa capire che è possibile che Balotelli possa partire titolare solo in una delle due sfide con Polonia e Portogallo: "Mi preoccupano tutti quei giocatori che hanno giocato meno in questo inizio di stagione e Mario ha disputato 76 minuti in campionato. Abbiamo due sfide in tre giorni, con Polonia e Portogallo. Ruoterò giocatori e farò dei cambi. Quando Mario sarà schierato, se sarà stanco lo cambierò”. In sala stampa assieme al Ct c'è anche Giorgio Chiellini: “Sono contento di essere tornato- dice il difensore. Ora non voglio più pensare al passato. Ho trovato una grande atmosfera, con dei giovani che sono linfa vitale per noi. Alla chiamata in Nazionale non si può dire di no, ed io ho grande entusiasmo. Darò tutto me stesso”.

Possibile per Chiellini anche il traguardo delle 100 presenze in Azzurro: “Non mi sono mai posto dei limiti, ma- spiega- non mi do delle scadenze. Vivo alla giornata senza considerare la tripla cifra di presenze una priorità”. Tra gli esclusi figura invece Daniele De Rossi: “Con Daniele ho parlato- dice Mancini. Lui fa parte di quella serie di giocatori importanti, con esperienza, cui potremmo ricorrere durante le qualificazioni. Non abbiamo bisogno di chiamarlo perché lo conosciamo già benissimo”. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.