Lo screzio tra Medel e Mihajlovic (LaPresse)
Lo screzio tra Medel e Mihajlovic (LaPresse)

Lecce, 22 dicembre 2019 - “Medel e Mihajlovic? Al mister sapete che piace accendere la scintilla per dare adrenalina ai suoi giocatori, ha avuto come punto di riferimento il giocatore più focoso ma si sono chiariti e siamo rientrati più determinati”. Parte da questa situazione Emilio De Leo, tattico di Mihajlovic, nel parlare della gara che questo pomeriggio il Bologna ha vinto per 2 a 3 a Lecce, chiudendo il 2019 con una pesante vittoria che la proietta nella parte sinistra del tabellone: “Noi non guardiamo la classifica, dobbiamo migliorare ancora tanti aspetti”, ha ribadito De Leo, che si è poi soffermato su Orsolini, quest’oggi grande protagonista: “Lavora sempre con grande determinazione, la cosa importante è che ci sia rispetto per il lavoro e per il gruppo. È fondamentale che lui resti concentrato su ciò che deve migliorare”.

false
Un Lecce che ha saputo mettere paura al Bologna negli ultimi istanti di gara: “Sapevamo che era una squadra con una certa identità, che cerca sempre di giocarsela. La rispettavamo tanto, ma sappiamo che avremmo dovuto metterci maggior determinazione e intensità”. E infine un ringraziamento speciale che Sinisa ha voluto fare ai suoi uomini: “Il mister ha voluto ringraziare il gruppo e lo staff e ne approfitto per fare i nomi: Baldi, Lamberti, Raimondi, Tanjga, Marchesi, Bucci, Pasquali e Prandelli. Li ha voluti ringraziare perché gli hanno permesso di proseguire con il suo percorso terapeutico”.

Nota negativa l’infortunio di Santander che, uscito in barella, è stato portato in ospedale per un trauma contusivo alla tibia destra: per lui solo una contusione, con l’attaccante che rientra in città con la squadra.

In mixed zone si è presentato Claudio Fenucci, ad del club: “Ottanta minuti tra i migliori di quest’anno, poi purtroppo qualche leggerezza nel finale. Successo che dà continuità alla vittoria contro l’Atalanta. Siamo sereni, contenti del risultato: il mio pensiero di Natale va a tutti tifosi del Bologna e alla città, per un sereno Natale e un felice 2020; il nostro dipenderà dai nostri giocatori (ride, ndr)”. Assieme a Fenucci anche Orsolini: “Sono contento del ritorno del mister, è un grande uomo che sa farmi esprimere al meglio, anche quando sono in un periodo di forma non esaltante. Mi gestisce benissimo, io lo chiamo: “bastone e carota”. Mi sta lanciando, è una persona fondamentale per me. Quella di oggi è stata una partita molto positiva, sono contento anche se poi nel finale abbiamo rischiato. Non possiamo permetterci questi cali di tensione. Il mister con Medel? Non si sono capiti dopo uno screzio con Tachtsidis, ma nello spogliatoio si sono chiariti subito, le cose che succedono in campo rimangono lì. Davanti ci troviamo bene, già dall’anno scorso. Abbiamo degli automatismi già rodati, quindi è uno spettacolo giocare coi miei compagni in attacco”.

Così Poli al termine della gara: “Probabilmente il miglior Bologna della stagione per 75 minuti. Il mister è contento del risultato, ritrovarci con 22 punti all’ultima partita dell’anno è una cosa che va celebrata. Abbiamo iniziato con tante difficoltà, complimenti a tutti. Adesso ci godiamo il Natale, poi ripartiamo sapendo che questa squadra da quando c’è il mister ha fatto cose straordinarie”.

In conferenza queste le parole del tecnico del Lecce, Fabio Liverani: “Fino a quando eravamo nella zona pericolo la squadra aveva buoni approcci; paradossalmente essersi tirati fuori troppi velocemente da questa zona ha dato illusioni. Spero che questa settimana libera faccia ricaricare i ragazzi, vorrei ritrovare la mia squadra, quella dei primi tre mesi. Letterina a Babbo Natale? Mi auguro che i giocatori abbiano una serena fisicità e salute per l’anno nuovo”.

GUARDA ANCHE - Il Bologna vince e la Torre degli Asinelli diventa rossoblù