Pinzolo (Trento), 13 luglio 2018 - Inzaghi concede un po' di respiro al suo Bologna. Nella prima uscita stagionale (6-0 contro il Pinzolo), i rossoblù sono apparsi sulle gambe, così in mattinata il tecnico ha fatto lavorare la squadra in palestra, per poi concederle il pomeriggio libero.

Giornata di transizione e ore di svago a Pinzolo, dove l'unica novità è rappresentata dalla conferenza stampa di Ibrahima Mbaye. Insieme a Da Costa, il difensore senegalese rappresenta la memoria recente e pure il futuro di questo Bologna, in quanto proprio come il portiere brasiliano è l'ultimo reduce dalla promozione del 2015, nonché fresco di rinnovo.

VITTORIA_32391408_200303

Su di lui ha scommesso nuovamente e il ragazzo si augura quello alle porte possa essere l'anno della svolta e della definitiva consacrazione, dopo le stagioni a luci e ombre con Donadoni: "In passato ho avuto momenti difficili e non nego di aver riflettuto se di partire. Sono pronto per una storia nuova e ringrazio la società per la fiducia. Sono tra i pochi che è rimasto dall'inizio del nuovo ciclo societario. Ho visto le cose cambiare, ma so che quel conta non sono i giocatori ma il Bologna: motivo per cui quest'anno non possiamo fallire. Inzaghi è carico, noi abbiamo voglia di lavorare e quest'anno alle parole dovremo far seguire i fatti".

DAL RITIRO Donsah Paz - Skuropski - Calabresi - Santander

Migliorare la classifica ed evitare la solita seconda parte di stagione in calare è l'obiettivo: "Ne parliamo spesso tra di noi. Dobbiamo trovare continuità". Mbaye, invece, deve ritagliarsi un nuovo ruolo. Ha fatto il quinto di centrocampo a Livorno, il quarto di difesa a Bologna e ora Inzaghi lo vede come centrale di difesa: "Poco importa, l'unica cosa che conta è giocare e farlo bene. Sono pronto a imparare una cosa nuova"

E' pronto pure al confronto con Ronaldo: "Fin qui l'ho affrontato solo nei video games. E se la Juventus ha Ronaldo, noi abbiamo Destro, Santander, Falcinelli. Ho fiducia in questa squadra che sta nascendo". Parola di Ibrahima Mbaye, che nonostante i soli 23 anni è uno dei senatori rossoblù.