Zlatan Ibrahimovic non sarà un giocatore del Bologna
Zlatan Ibrahimovic non sarà un giocatore del Bologna

Bologna, 9 dicembre 2019 - Ibrahimovic? “Non verrà a Bologna, ha fatto altre scelte professionali”. Il mercato di gennaio? “Faremo due cosine immaginifiche, nel senso di operazioni creative, anche perché la proprietà in estate ha già fatto uno sforzo importante”. Dominguez? “Lui di sicuro arriverà, già nei prossimi giorni. Del resto è già da due mesi che in Argentina sta studiando l'italiano”. Così Walter Sabatini oggi, davanti alle icone rossoblù della storia, ovvero ai volti e ai cimeli esposti a Villa delle Rose per celebrare i centodieci anni del club.

L'occasione giusta per spiegare il punto di vista del club all'indomani della sconfitta (2-3) col Milan, che ha confermato le gravi difficoltà che la squadra allenata da Mihajlovic da un po' di tempo a questa parte sta attraversando sul campo. “Visto che ho l'impressione che in questo momento prevalgano sentimenti negativi nei confronti della squadra - dice il coordinatore tecnico rossoblù -, vi chiedo di essere magnanimi nei vostri giudizi. Abbiamo dei giovani di valore, che aspetteremo. E c'è una società che sta lavorando bene per un grande futuro: fidatevi della mia parola”.

In realtà più che delle promesse sarebbe lecito fidarsi dei fatti, che ad oggi continuano a latitare. Ma tant'è. Nell'attesa, Sabatini pone fine all'illusione Ibrahimovic. “Ibra non verrà qui - annuncia l'uomo mercato rossoblù -. Ha fatto altre scelte, legittime. Per noi è stata una bella suggestione, ma era una situazione troppo più grande di noi. E non parlo dal punto di vista economico, perché la proprietà era pronta a fare la sua parte”.

Fine del sogno, che tale è rimasto anche perché un'offerta vera e propria il club non l'ha mai avanzata. Adesso si spera che cominci invece un mercato utile a puntellare la squadra. Ma chi immagina un Saputo pronto a investire di nuovo fior di milioni a gennaio è fuori strada. “Faremo delle integrazioni per aiutare i nostri ragazzi nel loro processo di crescita - dice Sabatini -. Potrebbe arrivare un difensore centrale e anche per il ruolo di terzino sinistro qualcosa faremo. Con Mihajlovic ci siamo dati appuntamento tra un paio di giorni per fare il punto della situazione”.

Gennaio è dietro l'angolo. E a chi gli chiede se sarà il giro giusto per incidere di più sulla costruzione della squadra, Sabatini risponde: “Sì, è possibile”. Anche in questo caso attendiamo fiduciosi.