Inzaghi con Marco Di Vaio (FotoSchicchi)

Bologna, 13 giugno 2018 - Filippo Inzaghi è ufficialmente il nuovo allenatore del Bologna: a comunicarlo è il club rossoblù. Super Pippo ha firmato un biennale con il club rossoblù, da circa 600mila euro netti a stagione. Chiusa l'avventura al Venezia, che ha guidato alla promozione dalla C alla B e fino ai playoff nel campionato cadetto, Superpippo raccoglie quindi l'eredità di Donadoni. Domattina alle 11, allo stadio Dall'Ara, la presentazione alla stampa.

Ieri era arrivato a Casteldebole con il suo staff al gran completo: il vice Maurizio D’Angelo, il collaboratore tecnico-tattico Duccio Innocenti e il preparatore Luca Alimonta. A loro il Bologna ha concordato di affiancare Luca Bucci, Nicolò Prandelli e Stefano Pasquali: hanno lavorato con Donadoni, rimarranno nello staff in qualità di uomini di fiducia del club, ai quali affidare dati e conoscenze utili in questo passaggio di consegne e in futuro. 

LEGGI ANCHECalciomercato, tutte le trattative. Juve blinda i big, Napoli beffato

Nei prossimi giorni, e soprattutto in ritiro, arriveranno indicazioni più precise sull’identità che SuperPippo intende dare al Bologna, ma la prima impronta dovrebbe essere il 3-5-2, anche se il 4-3-3 non finirà completamente nel dimenticatoio. Un messaggio il tecnico l’ha voluto mandare a dirigenza e giocatori: non intende chiudere la porta in faccia a nessuno, azzerando il passato. Non transigerà però su motivazioni ed entusiasmo, aspetti sui quali ama giocare e che dovrà verificare specialmente in alcuni giocatori reduci da una stagione complicata come Destro e Di Francesco, potenziali uomini mercato. 
Qualche rinforzo arriverà: 2-3 pedine e un attaccante possibilmente prima del ritiro. Per tutto il resto ci sarà tempo un volta tastato il polso della situazione. 

LEGGI ANCHE - Verdi saluta il Bologna con una lettera