Andreas Skov Olsen, 19 anni, è atteso domenica a Bologna (foto Schicchi)
Andreas Skov Olsen, 19 anni, è atteso domenica a Bologna (foto Schicchi)

Castelrotto (Bolzano), 18 luglio 2019 - Potrebbe essere la volta buona. Ma il condizionale è d’obbligo, considerato quanto successo alla vigilia della partenza per il ritiro di Castelrotto. Andreas Skov Olsen (19 anni) è atteso domenica a Bologna: questa volta per la firma sul contratto (quinquennale da circa 800mila euro netti a stagione) e per la fumata bianca definitiva di un affare al quale il club rossoblù lavora da una decina di mesi. Pareva fatta già una settimana fa, quando il ragazzo svolse le visite mediche (video) all’Isokinetic e il suo entourage raggiunse l’accordo sulle cifre.

image

Poi il ripensamento e la decisione di tornare a casa, in Danimarca per riflettere sul proprio futuro. Una scelta che lasciò di sasso il Bologna, che già aveva predisposto la camera in ritiro per il talento danese. Il motivo del tiramolla? "Riflessioni personali per capire se sia pronto a lasciare casa", aveva fatto sapere il padre del ragazzo. Ritorni prepotenti di fiamma di Tottenham e Bayern Monaco, le indiscrezioni che erano arrivate dalla Danimarca e che sono state captate pure dalla dirigenza rossoblù. Si aggiunga che il ragazzo è scadenza di contratto con il Nordsjaelland nel 2020 e che da gennaio potrà firmare a parametro zero (e quindi con cifre di contratto gonfiate rispetto alle attuali) ed ecco che a Casteldebole la dirigenza era ogni giorno più pessimista circa le possibilità di chiudere l’affare.

LEGGI ANCHEMihajlovic, il bollettino: "E' leucemia acuta prevalentemente mieloide" - Schouten infortunato lascia il ritiro

Pur pessimista, però, non ha mollato l’osso. La corte è stata serrata, perché l’esterno destro danese di piede mancino è uno dei talenti più puri in circolazione, come testimoniato dai 26 gol nell’ultima stagione e dalle richieste pure di Valencia, Real Sociedad, Bordeaux, Zenit, Cska Mosca, Atalanta e Sampdoria. Il pressing dovrebbe aver dato i frutti sperati. A Casteldebole ieri sono stati preparati i biglietti aerei per Skov Olsen, con volo programmato in arrivo domenica. 
Nessuna indiscrezione, però, sulla fumata bianca: questa volta, per cantar vittoria, il Bologna attenderà il suo sbarco e la firma sul contratto. La telenovela dovrebbe terminare con il lieto fine. Ovvio che qualora il ragazzo non dovesse salire sull’aereo, non ci sarebbe ulteriore spazio per ricucire. 

Il punto del mercato

Sul fronte uscite, il Lecce si è fatto sotto per Nagy, che però spera di ritagliarsi un’altra chance: la dirigenza cercherà di convincerlo ad accettare l’idea della partenza, magari in prestito. 
   
Notizie anche sul fronte Pulgar: il Napoli è un passo dalla chiusura dell’affare Elmas e potrebbe sfilarsi dalla corsa. La Roma, però, sta strappando Veretout al Milan, che potrebbe così ripensare al cileno, anche se i rossoneri sono al lavoro pure su piste alternative come Seri e Moro (quest’ultimo piace anche al Bologna): situazioni da tenere monitorate come pure quelle di Siviglia e Villarreal, e dell’irruzione del Sassuolo su Obiang, obiettivo della prima ora dei rossoblù per la mediana.