Pulgar segna il 2-1 per il Bologna (Ansa)
Pulgar segna il 2-1 per il Bologna (Ansa)

Bologna, 16 marzo 2019 – Mihajlovic torna a Torino e lo fa strappando alla sua ex squadra tre punti d’oro: il Bologna, all’Olimpico Grande Torino, conquista una vittoria importantissima in vista della corsa salvezza, superando l’Empoli e posizionandosi a un solo punto di distanza dall’Udinese, sedicesima a 25 punti.

Contro il Torino, nonostante i due gol annullati ai rossoblù e le due espulsioni (una per parte) nel finale, il Bologna riesce a vincere una gara fondamentale, grazie alle reti di Poli, di Pulgar, su rigore, e di Orsolini.

LEGGI ANCHE Mihajlovic: "Se giochiamo così ci salviamo"

Il finale è da brividi, con il Toro che arriva fino al 3-2 finale, ma sono i rossoblù che riescono a festeggiare. Dopo la sosta per le nazionali ci sarà la gara casalinga contro il Sassuolo, altro crocevia fondamentale in vista della permanenza in Serie A. 

Per gli undici iniziali Mazzarri lascia in panchina Moretti, con Djidji che ne prende il posto; davanti Zaza fa coppia col “Gallo” Belotti; per i rossoblù di Mihajlovic, che scendono in campo col lutto al braccio in memoria di Renato Cipollini, tutto confermato, col 4-2-3-1 che vede di punta Palacio, con Orsolini, Soriano e Sansone alle sue spalle. 

false

Pronti via e il Bologna, con Palacio, riesce subito a trovare il gol ma Mariani annulla tutto a causa di un fuorigioco di Lyanco, che al momento del tiro, si trova in offside; sul ribaltamento dell’azione è Belotti che, dopo la parata di Skorupski, non riesce a trovare il tap-in vincente da buonissima posizione, sprecando una buona occasione per andare avanti.

Un minuto più tardi e il Torino riesce a trovare il vantaggio: schema da calcio d’angolo, con Ansaldi che viene liberato al tiro: la conclusione da fuori area dell’esterno viene deviata goffamente da Pulgar che beffa Skorupski

A metà primo tempo il Bologna è già costretto a cambiare: Dzemaili, vittima di un infortunio muscolare, è costretto ad alzare bandiera bianca, con Poli che prende il posto dello svizzero. Ed è proprio l’ex Milan, al 29’, a trovare il pareggio: il Bologna riesce a sfondare sulla destra, con Orsolini che trova il filtrante per Palacio, bravo a incunearsi nella difesa granata; il cross dell’argentino, deviato, finisce esattamente sulla testa di Poli che a due passi riesce a infilare in rete il pallone del pareggio. 

Due minuti dopo, da azione di calcio d’angolo, Meitè colpisce di braccio il cross in area granata; Mariani, dopo il consulto al Var, decide di decretare il penalty per i rossoblù, il secondo consecutivo. Sul dischetto si presenta, come domenica scorsa Erick Pulgar, che spiazza Sirigu: a dieci minuti dalla fine del primo tempo il Bologna ribalta il match, portando avanti i suoi. 

La ripresa, che non vede nessun cambio tra i 22 in campo, si apre con la doppia occasione Torino firmata da Ansaldi e da Zaza, con i due giocatori granata che ci provano, senza fortuna, da fuori area. Al decimo della ripresa il Torino torna a farsi pericoloso, sempre da fuori area, ma ancora una volta è provvidenziale Skorupski che riesce, con la mano di richiamo, a parare il violento tiro di Rincon.

Il Bologna, dopo la parata, riesce a ripartire con Palacio che, al termine di una grandissima azione personale, pesca Sansone, bravo a bruciare il diretto concorrente e a insaccare di testa. Ma, ancora una volta, Mariani dopo tre minuti di fitto dialogo con la sala Var annulla tutto per fuorigioco, con l’ex Villareal che al momento del cross parte in posizione irregolare. 

Tempo di riprendere il gioco e il Bologna trova comunque il gol: Soriano sradica il pallone a Rincon e innesca il contropiede per Palacio che, dopo aver condotto la palla, serve a Orsolini un pallone perfetto sulla destra, col numero 7 rossoblù bravo a beffare Sirigu a distanza ravvicinata. 

A 20’ dalla fine Belotti prova a riaprirla ma è ancora una volta Skorupski a sbarrargli la strada verso il gol che riaprirebbe il match, con l’estremo difensore rossoblù che è bravo ad opporsi col corpo alla conclusione del numero 9 del Torino.

Il secondo cambio rossoblù arriva a meno di dieci dal termine, col Torino rivolto in avanti: Mihajlovic toglie Sansone, ammonito, e inserisce Svanberg. A due minuti dal termine il Bologna rischia di complicarsi le cose, con Lyanco che sgambetta da dietro Berenguer e si prende il secondo giallo, guadagnandosi anzitempo la doccia. Come se non bastasse il Torino, a un minuto dal novantesimo, trova il gol del 3-2 grazie al colpo di testa di Izzo che, complice l’intervento sbagliato di Skorupski, trova la rete.

Nel secondo dei sei minuti di recupero la parità numerica viene ristabilita con Aina che, dopo l’ammonizione ricevuta per un fallo ai danni di Palacio, ha la poco brillante idea di rivolgere a Mariani parole non gradite, con il direttore di gara che estrae il secondo giallo a distanza di pochi secondi. 


Il tabellino della gara 

Torino-Bologna 2-3 

Torino (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Djidji (27’ st Berenguer); Ansaldi, Baselli (10’ st Falque), Rincon, Meitè (32’ st Lukic), Aina; Zaza, Belotti. Allenatore: Mazzarri. A disposizione: Ichazo, Rosati, Moretti, Parigini, De Silvestri, Bremer. 

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Lyanco, Dijks; Pulgar, Dzemaili (22’ pt Poli); Orsolini (41’ st Mattiello), Soriano, Sansone (37’ st Svanberg); Palacio. Allenatore: Mihajlovic. A disposizione: Da Costa, Gonzalez, Paz, Krejcì, Mattiello, Donsah, Edera, Destro, Calabresi, Falcinelli. 
Reti: 6’ pt autogol Pulgar, 29’ pt Poli (B), 34’ pt rig. Pulgar (B), 20’ st Orsolini (B), 44’ st Izzo (T) 

Arbitro: Mariani di Aprilia 

Ammoniti: Baselli (T), Soriano (B), Sansone (B) N’Koulou (T), Berenguer (T) 

Espulso al 43’ st Lyanco (B) per doppia ammonizione, al 47’ st Aina (T) per doppia ammonizione 

Note: Recupero: 2’ pt, 6’ st 

Rivivi la gara in tempo reale - Risultati e classifica live