Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il lavoro di quattro università nell’anima scientifica del parco

Ultimo aggiornamento il 12 novembre 2017 alle 12:00
università fico

A SUPERVISIONARE l’anima scientifica della Fabbrica italiana contadina c’è una Fondazione nata e pensata per diffondere l’educazione alimentare e la sostenibilità. La Fondazione è presieduta da Andrea Segrè – agroeconomista, saggista e fondatore tra le altre cose di Last Minute Market – che qualche anno fa, appena nominato presidente del Caab, ebbe per primo l’intuizione di realizzare in quei grandi spazi inutilizzati una cittadella del cibo e della biodiversità. Con lui nella Fondazione siedono i rappresentanti di quattro atenei e delle istituzioni legate alla ricerca sul cibo.

ATTIVA la collaborazione con svariati ministeri e con quattro università: Alma Mater Studiorum di Bologna, Suor Orsola Benicasa di Napoli, Università degli studi di Trento e l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Alla Fondazione Fico spetta – dice lo statuto – il compito di progettare, organizzare e promuovere i programmi di cultura della sostenibilità economica, sociale ambientale e alimentare in seno a Fico, messi poi in pratica attraverso circa mille corsi divulgativi all’anno.

TRA I TANTI progetti già messi in campo dalla Fondazione Fico c’è quello siglato con Arpae, l’Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia dell’Emilia Romagna, per realizzare all’interno di Fico un frutteto della biodiversità dove recuperare specie perdute e sviluppare laboratori e ricesche in collaborazione con scuole e università. La Fondazione, infine, promuove già da due anni, e continuerà a farlo all’interno di Fico, il premio internazionale Bologna Award (nella foto i vincitori dell’edizione 2017), dedicato alla sostenibilità.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.