Antimo Martino, coach della Fortitudo (FotoSchicchi)
Antimo Martino, coach della Fortitudo (FotoSchicchi)

Bologna, 25 giugno 2019 – Pausa nel mercato della Fortitudo Bologna. Con coach Antimo Martino in partenza per le Summer League in programma negli Stati Uniti dall' 8 luglio in poi, alcune decisioni riguardanti il roster per la prossima stagione potrebbero essere posticipate per visionare alcuni profili che potrebbero fare per le esigenze, e per le tasche, della Fortitudo.

Il 6 + 6 è in effetti la scelta su cui punta la Fortitudo, e che potrebbe avere anche qualche straniero “scommessa” vista la profondità dell'organico dell'Aquila dovuto alla presenza di elementi di esperienza e garanzia come capitan Stefano Mancinelli e Daniele Cinciarini.

Sul fronte italiani, con il roster ancora da completare potrebbe tornare in auge il nome di Carlos Delfino con cui, al momento, è mancata l'intesa economica. Martino pensa ad una rotazione a 10 uomini, 6 stranieri e 4 italiani.

L'arrivo di Stipcevic e la conferma di Leunen lasciano altre 4 caselle da riempire tra i giocatori non di formazione italiana. Nel caso arrivassero 2 centri stranieri, allora lo spazio per Giovanni Pini sarebbe notevolmente ridotto, con un possibile cambio di strategia, anche se lo stesso lungo carpigiano è attualmente sotto contratto con la Fortitudo.

Daniel e Parks restano in effetti due obiettivi primari per coach Martino e il gm Carraretto, anche se il mercato nelle prossime settimane, dopo che i top si saranno assestati, potrebbe proporre qualche nome interessante. Intanto il ventunenne guardia Andrea Pecchia, nella passata stagione a Treviglio e a lungo accostato anche alla Fortitudo, è stato ufficializzato a Cantù.