Hunt, il migliore della Fortitudo nella disastrosa gara di Milano (foto Ciamillo)
Hunt, il migliore della Fortitudo nella disastrosa gara di Milano (foto Ciamillo)

Bologna, 28 febbraio 2021 - Troppa Milano per una piccola Fortitudo che cade pesantemente sconfitta 98-72 dall’Aix Armani. Al Mediolanum Forum di Assago non c’è mai stata partita a cominciare dal 10-0 iniziale per l'Olimpia che prende subito in mano l’iniziativa e non la cede più. Le straordinarie percentuali al tiro dei padroni di casa, unite alla brutta prestazione della formazione bolognese, rendono amarissimo il ritorno in campo della Fortitudo dopo la sosta per l’impegno della nazionale italiana. La Fortitudo torna da Milano ridimensionata più che dal risultato, che alla vigilia poteva essere preventivabile, quanto nel passivo, troppo pesante, e nella prestazione, sottotono e dove si fa fatica a trovare chi si salvi.

Luca Dalmonte si presenta in campo con Fantinelli, Banks, Saunders, Whiters e Hunt. Messina invece tra rotazioni e infortuni lascia in tribuna Brooks, Delaney, Hines e Leday, con Rodriguez, Punter, Shields, Datome e Tarczewski. L’inizio è tutto per Milano che in 2’30” infila subito un parziale di 10-0, costringendo coach Dalmonte a chiedere tempo. Tutto inutile perché a parte tre canestri di Hunt (unico a segnare per i suoi nei primi 7’) la Fortitudo è in balia dei padroni di casa, con l’Aix Armani che deborda toccando già il +19, sul 25-6 al 7’. Dalla lunga distanza Milano non fallisce un colpo con un incredibile 9 su 9 che si trasforma in 12 su 15 all’intervallo. Kevin Punter poi sente aria di derby e infila 22 punti già a metà partita, con la Fortitudo che si trova sotto 59-33.

Per la Effe è buio pesto, salvo qualche sprazzo di luce del solo Hunt (14 punti all’intervallo, 17 finali), per il resto i bolognesi non riescono a reggere l’urto di una Milano in formato EuroLega. Al ritorno finalmente ecco la Fortitudo che infila un break di 0-10 per il -18, sul 61-43 al 24’. E’ l’unico sprazzo dei bolognesi che sprofondano anche a -33 al 33’, prima di “risalire” a -26 al fischio finale. Una sconfitta che fa riflettere, da analizzare con attenzione, ma che non inficia quanto di buono fatto dall’Aquila nell’ultimo periodo da quando Dalmonte è in panchina.

Il tabellino

AIX ARMANI MILANO 98
FORTITUDO BOLOGNA 72

AIX ARMANI MILANO: Rodriguez 11, Punter 25, Shields 4, Datome 3, Tarczewski 4; Biligha 4, Roll 16, Moretti 6, Wojciechowski 5, Micov 14, Moraschini 3, Cinciarini 3. All. Messina.

FORTITUDO BOLOGNA: Fantinelli 4, Banks 13, Saunders 10, Whiters 5, Hunt 17; Aradori 7, Baldasso 9, Cusin 2, Totè 5; Pavani ne, Manna ne. All. Dalmonte.

Arbitri: Baldini, Borgioni e Belfiore.

Note: parziali 30-11, 59-33, 82-54.

Tiri da due: Milano 13/27; Fortitudo 22/36. Tiri da tre: 21/31; 4/16. Tiri liberi: 9/10; 16/23. Rimbalzi: 30; 30.