Bologna, 30 gennaio 2017 - Un punto di vista inedito e suggestivo su uno dei nostri gioielli. Nessuno prima di oggi, infatti, in oltre sei secoli di storia, aveva mai potuto ammirare San Petronio librandosi a volo d'uccello all'altezza delle sue volte, a più di 40 metri dal suolo. Questo viaggio volante, sospeso fra le ampie navate e i pilastri imponenti, è stato reso finalmente possibile, nelle scorse settimane, dall'uso degli ormai sempre più irrinunciabili droni.

Alcuni piccoli velivoli telecomandati, infatti, hanno ripreso queste immagini mozzafiato durante i sopralluoghi che precedono gli ormai prossimi interventi di restauro della chiesa, rivolti alla navata centrale, al fronte dell'abside, alle facciate laterali e ad alcune delle cappelle, compresa la nota Cappella Bolognini. La cappella, l’unica che conserva ancora la decorazione originale, è anche nota come 'cappella dei Re Magi' ed è la quarta sulla sinistra. Costruita all'inizio del Quattrocento costudisce bellissimi affreschi, statuette e la lastra tombale di Bartolomeo Bolognini (ricco mercante di seta) ma soprattutto meravigliose vetrate disegnate da Jacopo di Paolo.

Il merito è tutto dell'associazione Succede solo a Bologna, che nell'ultimo anno ha curato il progetto “Io sostengo San Petronio”, la raccolta di fondi che sabato scorso ha raggiunto la più che ragguardevole cifra di 206.165 euro. A margine di questa iniziativa, la società Agnos Drone, con sede a Cento, nel Ferrarese, ha sostenuto il costo delle riprese aeree necessarie per identificare ogni minima criticità strutturale, per un valore intorno ai 10mila euro.

“Questa mappatura, realizzata in 4k senza bisogno di allestire i consueti ponteggi, ha permesso di risparmiare tempo e denaro – ha spiegato il presidente di Succede solo a Bologna, Fabio Mauri – e consentirà ai tecnici di intervenire con precisione e tempestività. Parallelamente – ha poi proseguito – abbiamo deciso di utilizzare parte del girato per realizzare alcuni video panoramici di carattere divulgativo, che promuovano il valore artistico della Basilica e che saranno caricati nel prossimo futuro sul sito basilicasanpetronio.org”.

Guarda i video: qui quello della navata e qui quello della Cappella Bolognini.