Elezioni comunali
Elezioni comunali

Bologna, 9 giugno 2017 – In questi giorni si discute molto di legge elettorale, anche perché, qualora venisse approvata, avvicinerebbe la data delle elezioni politiche. Ma c’è una scadenza elettorale più vicina. Si tratta dell’11 giugno 2017, giorno in cui si svolgeranno le elezioni comunali. In Emilia-Romagna si recheranno alle urne i cittadini di venti Comuni.

Fatti salvi i capoluoghi di provincia Parma e Piacenza, i riflettori sono puntati su Riccione, Budrio, Comacchio e Vignola, vale a dire le città che superano i 15mila abitanti. Una soglia importante, poiché al di sotto e al di sopra di essa vengono adottati due distinti sistemi elettorali.

Ma andiamo con ordine, cominciando dagli aspetti che valgono per tutti. A partire dalla prima questione: quando si vota? Come detto, le urne saranno domenica 11 giugno 2017. L’orario? Dalle 7 alle 23. Chi vorrà partecipare a questa tornata di amministrative dovrà recarsi al proprio seggio (è indicato sulla tessera elettorale) munito di un valido documento di identità. E della tessera elettorale: qualora l’avesse smarrita o esaurita, potrà richiederla all’ufficio elettorale del Comune di residenza, che sarà aperto dalle 9 alle 18 dei due giorni antecedenti alla data delle elezioni e, nel giorno della consultazione, per tutta la durata delle operazioni, cioè dalle 7 alle 23.

Il diritto di voto è riconosciuto ai cittadini maggiorenni residenti in uno dei Comuni che l’11 giugno rinnoveranno Amministrazione e Consiglio. Gli italiani che vivono all’estero dovranno tornare in patria, perché in questa occasione non è previsto il voto per corrispondenza.

Come si vota? Bisogna fare un distinguo tra i Comuni che hanno meno di 15mila abitanti e quelli che ne hanno di più. Per quanto riguarda le province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia e la Romagna, il primo gruppo vede andare alle urne i cittadini di Terre del Reno, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Dovadola, Longiano, Castelnuovo Rangone, Novi di Modena, Riolo Terme, Campegine, Coriano e Morciano di Romagna. In questi Comuni si vota tracciando un segno sul candidato sindaco, solo sulla lista collegata al candidato sindaco oppure sia sul candidato sindaco sia sulla lista collegata. Poco cambia: in ogni caso il voto va sia alla lista dei candidati consiglieri sia al candidato sindaco da essa sostenuto. Chi prende più voti vince (maggioranza relativa) e garantisce alla lista che lo appoggia i 2/3 dei seggi in Consiglio comunale.

Altro discorso per i Comuni sopra i 15mila abitanti, che per quanto ci riguarda sono Riccione, Budrio, Comacchio e Vignola. Qui i modi per votare sono diversi. Innanzitutto, si può tracciare un segno solo sul candidato sindaco. In questo caso il voto viene attribuito soltanto al candidato sindaco. Inoltre, il segno può essere tracciato su una lista o su un candidato sindaco e su una delle liste che lo sostengono. In entrambi i casi il voto va sia al candidato sindaco sia alla lista. C’è un’altra opzione e si chiama voto disgiunto: segno su un candidato sindaco e secondo segno su una lista che non lo sostiene. Vince al primo turno il candidato sindaco che ottiene la maggioranza assoluta dei voti, vale a dire il 50% più uno. Se ciò non accade si procede al ballottaggio, in programma dopo due settimane: domenica 25 giugno. Al ballottaggio accedono i due candidati sindaci che hanno ottenuto più voti al primo turno.

C’è poi la questione delle preferenze ai candidati consiglieri comunali. Nei Comuni sotto i 5mila abitanti si può esprimere una sola preferenza; mentre nei Comuni che superano i 5mila abitanti è prevista la doppia preferenza di genere: è possibile scegliere due candidati, i quali devono appartenere alla stessa lista ed essere di sesso diverso. In ogni caso la scelta va fatta scrivendo il cognome del candidato prescelto nell’apposito spazio sulla scheda elettorale, accanto al simbolo della lista.
 

Candidati e liste Comune per Comune
Qui sotto vi proponiamo l’elenco dei Comuni al voto, classificati per provincia. Cliccando su quello di proprio interesse, è possibile conoscere i nomi dei candidati alla carica di sindaco e le liste che parteciperanno alle elezioni amministrative 2017.

Bologna: Budrio
Ferrara: Comacchio, Terre di Reno
Forlì-Cesena: Castrocaro Terme e Terra del Sole, Dovadola, Longiano
Modena: Castelnuovo Rangone, Novi di Modena, Vignola
Ravenna: Riolo Terme
Reggio Emilia: Campegine
Rimini: Coriano, Morciano di Romagna, Riccione