Elezioni Emilia Romagna 2020, cresce la febbre da urne (foto Newpress)
Elezioni Emilia Romagna 2020, cresce la febbre da urne (foto Newpress)

Bologna, 28 dicembre 2019 - Esordienti e vecchie volpi della politica. Volti noti e perfetti sconosciuti. Tutti in corsa con un obiettivo comune: conquistare più preferenze possibile alle elezioni regionali del 26 gennaio. Per assicurarsi un posto nel parlamentino di viale Aldo Moro. E portare il proprio contributo al candidato presidente cui ogni lista è collegata. Al momento, le liste depositate in Tribunale sono 14. Ma – per eventuali ritardatari: potrebbero essere un paio – c’è tempo fino a mezzogiorno di oggi per presentare le candidature.

Fra i nomi più conosciuti dati in corsa alla vigilia a sostegno di Lucia Borgonzoni – candidata presidente del centrodestra – non c’è l’attrice Serena Grandi. Che darà comunque il suo contributo in campagna elettorale. C’è, invece, il critico d’arte Vittorio Sgarbi, capolista di Forza Italia anche grazie al lavoro di Sauro Moretti, segretario del suo movimento ‘Rinascimento’.

La Borgonzoni e Stefano Bonaccini – governatore uscente, candidato con il sostegno del centrosinistra – sono i principali avversari di queste elezioni. La vittoria se la giocheranno loro due. Nelle loro liste civiche si trovano manager, amministratori locali, docenti universitari e insegnanti. Gli altri candidati presidente sono Simone Benini (M5s), Marta Collot (Potere al Popolo), Stefano Lugli (L’Altra Emilia-Romagna) e Domenico Battaglia (Movimento 3V).

Spulciando fra i nomi si trova Stefano Bulgarelli, figlio di Giacomo, bandiera del Bologna, in corsa per la Borgonzoni; con Bonaccini c’è Mauro Felicori, artefice della rinascita della Reggia di Caserta. Nella squadra della Borgonzoni c’è anche Giulio Venturi, export manager, consigliere comunale, presidente commissione Bilancio e nipote di Marco Biagi, il giuslavorista ucciso dalle Nuove Brigate Rosse il 19 marzo 2002.

La seconda candidata della lista Bonaccini Presidente è Elisabetta Tanari, sindaca di Gaggio Montano. In corsa anche Melissa Milani presidente del Comitato italiano paralimpico e docente all’Ala Mater e Andrea Stella, professore universitario e chirurgo vascolare all’ospedale Sant’Orsola. Sempre sul fronte di Bonaccini, la lista Emilia-Romagna Coraggiosa schiera come capolista l’europarlamentare Elly Schlein.

Fra i nomi civici nella lista Borgonzoni Presidente si notano l’ex sindaco di Monzuno, Marco Mastacchi (capolista); e Beatrice Buscaroli, storica dell’arte, curatrice di mostre e docente d’arte moderna e contemporanea. C’è anche Barbara Lodi, ingegnere Anas e moglie del ‘re’ dei lucchetti proprietario dell’azienda Viro.

Elezioni Emilia Romagna 2020, liste e candidati

Lucia Borgonzoni - Giovani per l'ambiente: Margherita Isabella Levi, Alessandro Galuzzi, Eleonora Carestini, Michele Rimondi, Andrea Giugni, Francesco Ciano, Riccardo Bisini, Emma Ardrizzini, Elisa Papucci

 

Laura Bergamini (Partito Comunista): Federico Morichetti, Romagnoli Sarah, Masperi Marcella, Cappello Giulia, Casulli Giuseppe, Montanari Matteo, Michelini Christian, Pasini Luca, Bongiovanni Sara

Fac simile scheda