CHIARA CARAVELLI
Politica

Pianoro, ballottaggio al veleno. Volantini a casa della Saliera. E Vecchiettini sporge denuncia

Individuato dai carabinieri l’attacchino del collage con il candidato civico ai tempi della Lega. Zuffi prosegue la campagna: "Abbiamo il programma migliore e le personalità più preparate"

Simonetta Saliera, ex sindaco Pd, (a sinistra) ora appoggia un civico ex leghista. Luca Vecchiettini (a destra), sostenuto da una lista civica

Simonetta Saliera, ex sindaco Pd, (a sinistra) ora appoggia un civico ex leghista. Luca Vecchiettini (a destra), sostenuto da una lista civica

Bologna, 12 giugno 2024 – "Clamoroso! È tornato con loro". È la scritta che accompagna i volantini – circa una dozzina – apparsi venerdì scorso, poco prima della tornata elettorale, in alcuni supermercati di Pianoro.

Il soggetto ritratto nel volantino è Luca Vecchiettini, ex leghista e ora in campo per il posto di primo cittadino con la lista Pianoro Civica, il cui passato nel centrodestra viene sottolineato dal collage di foto contenuto nei fogli sparsi per il paese.

La sua lista, tra l’altro, è appoggiata anche dall’ex vicepresidente della Regione ed esponente dem di lungo corso, Simonetta Saliera, che si è vista recapitare davanti casa il polemico volantino. Un gesto che ha suscitato l’immediata reazione del candidato civico, che ha presentato ai carabinieri una querela per diffamazione contro ignoti.

Da quel momento sono scattate le indagini dei militari che, anche grazie all’analisi dei filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona, hanno consentito di identificare rapidamente l’autore del gesto, un attivista del campo politico rivale.

Approfondisci:

Ballottaggi in Emilia-Romagna dove e quando: i comuni al voto e le date

Ballottaggi in Emilia-Romagna dove e quando: i comuni al voto e le date

Sarà la Procura, sulla base dell’informativa dei carabinieri, a valutare il da farsi e la contestazione di eventuali reati all’attacchino. Secondo una prima ricostruzione, chi ha agito lo avrebbe fatto di notte, a volto scoperto, raggiungendo con l’auto i vari supermercati del paese e affiggendo i volantini sulle vetrine. "Il confronto – così Vecchiettini – è alla base di ogni campagna elettorale, ma non si può arrivare al discredito con notizie false né tantomeno si dovrebbe arrivare ad attaccare manifesti sulla porta di casa dei candidati o sulle sedi elettorali com’è successo contro le nostre liste civiche. Chi arriva a compiere questi gesti, per di più a notte fonda, evidentemente non ha argomenti concreti per parlare nel merito del nostro programma e delle soluzioni che abbiamo avanzato per dare risposta ai tanti problemi che il nostro Comune sta vivendo".

E ancora: "Noi abbiamo fatto del dialogo con i cittadini la cifra del nostro modo di operare, non sottraendoci mai al confronto. In un paese ci si conosce tutti e il rispetto deve essere alla base della convivenza civile, anche e soprattutto in una campagna elettorale. In ogni caso non saranno certo gesti come questi a fermarci e a distogliere le nostre energie dal tentativo di costruire per Pianoro una comunità coesa a misura di futuro".

Vecchiettini, che al primo turno ha ottenuto il 37 per cento dei voti, sfiderà al ballottaggio del 23 e 24 giugno il candidato di centrosinistra Marco Zuffi, in corsa con la lista Noi Pianoro.

Quest’ultimo, già assessore nella giunta uscente di Franca Filippini, ha affrontato le amministrative con l’appoggio del Pd e dell’ex primo cittadino dem Gabriele Minghetti, piazzandosi al primo posto con il 45%.

"Il nostro obiettivo in vista del ballottaggio – così Zuffi – è ancora quello di portare avanti il programma che abbiamo costruito con la coalizione e andare compatti verso una vittoria che deve di nuovo coinvolgere tutti i cittadini e tutte le forze politiche che abbiamo messo in campo fino a oggi". Zuffi suona quindi la carica in vista del confronto finale. "Sappiamo che possiamo fare molto bene per Pianoro – chiude il candidato appoggiato dai dem – , vista l’esperienza e l’onestà di tutti i candidati consiglieri in lista che provengono da mondi molto diversi e ciò rappresenta un valore aggiunto. Abbiamo un programma corposo, coerente e realizzabile e questo ci dà forza per metterci in gioco e voler amministrare Pianoro".