Bologna, 22 marzo 2018 - La presidenza del Senato andrà a Forza Italia. Almeno così dicono i rumors dell’incontro di ieri a Palazzo Grazioli tra i tre leader del centrodestra Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini. La prima scelta del Cavaliere è ancora Paolo Romani, attuale capogruppo degli azzurri, sul quale però resta il veto dei Cinque Stelle, a causa di una sua precedente condanna per peculato. Dunque, per ora resta in ballo anche il nome di Anna Maria Bernini, vice presidente dei senatori nella passata legislatura e nome di punta degli azzurri in Emilia-Romagna, seconda in lizza dietro Romani, ma davanti al terzo nome indicato dagli azzurri, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Presidente del Senato, il centrodestra punta su Romani. Ma pesa il veto M5s

A favore della Bernini pare si sia spesa anche la stessa Meloni. Con il passo indietro della Lega a favore di Forza Italia, cadrebbe, invece, la candidatura di Lucia Borgonzoni, appena eletta senatrice per la prima volta. In caso di forzatura dell’alleanza con Berlusconi, Salvini aveva pensato a lei come nome di rottura per la seconda carica istituzionale dello Stato.