Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 mag 2022

Banchi: "Siamo stati traditi dalle percentuali al tiro"

L’analisi del coach: "La difesa ci consente di competere a questi livelli. Ma il problerma stavolta è stato in attacco. Oltre che nelle palle perse"

18 mag 2022
Luca Banchi non nasconde l’amarezza
Luca Banchi non nasconde l’amarezza
Luca Banchi non nasconde l’amarezza
Luca Banchi non nasconde l’amarezza
Luca Banchi non nasconde l’amarezza
Luca Banchi non nasconde l’amarezza

Non riesce la Carpegna Prosciutto Pesaro a prendersi il fattore campo nemmeno in gara 2, un match che ha visto la VL difendere egregiamnte nel primo quarto, salvo poi non trovare mai ritmo da dietro l’arco, 524, e vedere la Virtus Bologna dilagare coinvolgendo tutta la panchina escluso Teodosic. Arrabbiato ma non sconfortato è coach Luca Banchi: "Poco da commentare – dice – una partita che fin dalle prime battute ha testimoniato quanto fossimo pronti a competere ma scarsamente precisi al tiro. Se è vero che la nostra difesa ci permette di competere a questo livello, il nostro attacco rappresenta l’unico modo per mantenere costante l’aggressività nella nostra metà campo, e oggi le percentuali al tiro ci hanno tradito. Un altro problema sono state le troppe palle perse, cosa successa già in gara 1, legate di certo anche alla fisicità e all’aggressività degli avversari, ma 20 palle perse, anche banali, creano poi un senso generale di frustazione. Ci mettiamo dentro anche le sole nove volte in lunetta, simbolo di una difficoltà a costruire dei vantaggi e la partità è descritta. A inizio terzo periodo, dopo l’espulsione di Jones – continua il coach – la partita ha preso una direzione purtroppo che ci ha tolto energia e forze mentali. In quel momento eravamo a -9 con la sensazione che stessimo provando a ricucire lo svantaggio, ma purtroppo il ragazzo ha commesso un errore nonostante le parole spese, sapendo io che atmosfera avrebbe trovato stasera, sia in campo che fuori. Lui si sente vittima di fischi non giusti ai suoi occhi, avete tutti visto ciò che è successo in gara 1, ma non ha ancora la maturità per gestire lucidamente certe decisioni. Deve entrare in quest’ottica, è il nuovo arrivato e deve guadagnarsi considerazione e rispetto giocando per altro in una squadra piccola".

Soddisfatto, dal canto suo, Sergio Scariolo: "Nel primo tempo avevamo giocato anche nel modo giusto, ma abbiamo sbagliato una caterva di tiri facili e puliti e non siamo riusciti a correre come volevamo siccome nessuna palla era pulita. Il secondo tempo mi è piaciuto molto, ho visto tutti coinvolti nel passarsi la palla e giocare insieme. Sono soddisfatto, siamo avanti 2-0 ma ora arriva la partita più difficile, la prima in trasferta, che il nostro avversario vorrà giocare alla morte. Non abbiamo ancora recuperato dal post coppa europea, dobbiamo voltare pagina dal punto di vista mentale ancora prima che fisico. Su Teodosic avevamo intenzione di farlo giocare qualche minuto se fosse servito, ma all’intervallo mi ha riferito che aveva male dopo la distorsione. Vedremo per gara-3".

Leonardo Selvatici

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?