Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 giu 2022

Playground giardini Margherita 2022, a Bologna arrivano anche gli americani

Una selezione della Drew League farà il suo esordio allo storico torneo estivo: 22 i team coinvolti. Finalissima in programma il 21 luglio

17 giu 2022
Da sinistra Santori, Motola, Li Calzi, Amorevole e Naldi (Schicchi)
Da sinistra Santori, Motola, Li Calzi, Amorevole e Naldi (Schicchi)
Da sinistra Santori, Motola, Li Calzi, Amorevole e Naldi (Schicchi)
Da sinistra Santori, Motola, Li Calzi, Amorevole e Naldi (Schicchi)

Bologna, 17 giugno 2022 - Arrivano gli americani. Sarà questa una delle sorprese più rilevanti del Playground dei Giardini Margherita. Dalla scorsa stagione la manifestazione è intitolata alla memoria di Walter Bussolari – gli spettatori saranno accolti da una suggestiva immagine della storica "voce" dei Giardini – e si giocherà ancora una volta sul campetto che è stato dedicato a Gianni Cristofori che per primo, sulle pagine de il Resto del Carlino, ospitò le cronache di una manifestazione di canestri sotto le stelle che è diventato un motivo di orgoglio per tutta la città di Bologna.

Leggi anche: Virtus Bologna Milano gara 5: 84 a 78, si riaprono i giochi scudetto

In Europa non esiste un evento di questa portata. Negli States, invece sì, è non è un caso che "quelli della Drew League" verranno a Bologna non solo per giocare, ma anche per filmare l’evento.

Che siano forti o meno poco importa: la Drew League non era mai uscita dai confini della California e l’occasione di vedere (gratuitamente) assi a stelle e strisce è troppo ghiotta per lasciarsela scappare.

Tra le sorprese, la conferma dello sponsor, Lavoropiù che ha già annunciato di voler proseguire il rapporto di partnership anche per il 2023. E del resto per la prima volta il torneo dei Giardini, nato quasi per caso nel 1982 grazie a un gruppo di amici nel quale spiccava il nome di Massimo Romeo , è inserito tra i Grandi Eventi di Bologna. Il Playground insieme con la Coppa Davis e la Formula Uno, il Giro d’Italia e il Giro dell’Emilia. Ce n’è abbastanza per capire che di strada ne è stata fatta negli ultimi quarant’anni. Per presentare il Playground ci sono il padrone di casa Simone Motola , la presidente del quartiere Santo Stefano Rosa Maria Amorevole , l’assessore allo sport Roberta Li Calzi , il consigliere comunale con la delega ai Grandi Eventi Mattia Santori e Matteo Naldi , direttore marketing di Lavoropiù.

Numeri da record: 13 squadre iscritte (gli americani giocheranno il 19 luglio) e 8 femminili. Il torneo rosa, trofeo EmilBanca, comincerà lunedì per chiudersi il 30. Quello maschile scatterà mercoledì con la finale prevista per il 21 luglio. Due le serate con raccolte benefiche: la prima per Couponlus, la seconda, il 15 luglio, con una raccolta pro Airc, grazie alla presenza di una leggenda qual è Giorgio Bonaga, che ai Giardini, qualche annetto fa, ha giocato con i Camperos ai piedi, contribuendo all’aneddotica di una manifestazione che non ha eguali. Ma tutta l’area vedrà eventi, compresa una mostra, fino al 23 settembre. Tra le squadre storiche il Mulino Bruciato Csi (Luciano Andalò è una delle icone del torneo) allenato da Michele Mastellar i, vincitore del 1995 e 2014. Attenzione anche a Matteiplast-Ristorante Alice . In panchina c’è Matteo Lolli , uno dei tecnici più blasonati del Playground . Davide Spina , infine, realizzerà un docu-film che sarà pronto nel 2023.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?