di Nicola Baldini Quando, nella stagione 2010-2011, Eugenio Benuzzi rilevò l’esonerato Rossano Casoni, il Mezzolara si trovava all’ultimo posto con il magrissimo bottino di cinque punti in dieci partite. Dal suo arrivo, la formazione biancazzurra seppe solo vincere tant’è che, dal concreto rischio retrocessione, si arrivò addirittura al quinto posto finale che valse l’insperato approdo ai playoff. A Corticella, dove oggi lo ‘Specialone’ debutterà alle 14,30 contro...

di Nicola Baldini

Quando, nella stagione 2010-2011, Eugenio Benuzzi rilevò l’esonerato Rossano Casoni, il Mezzolara si trovava all’ultimo posto con il magrissimo bottino di cinque punti in dieci partite. Dal suo arrivo, la formazione biancazzurra seppe solo vincere tant’è che, dal concreto rischio retrocessione, si arrivò addirittura al quinto posto finale che valse l’insperato approdo ai playoff.

A Corticella, dove oggi lo ‘Specialone’ debutterà alle 14,30 contro il Lentigione, si augurano che grazie al suo approdo la salvezza non rappresenti più un miraggio. Ci crede anche lo stesso Benuzzi che, però, non vede grandi analogie con la cavalcata del suo Mezzolara. "A Budrio – sottolinea il nuovo mister – c’erano una società abituata alla categoria e un ambiente famigliare e coeso mentre a Corticella, a causa della pandemia, tutto è edulcorato. Purtroppo la voglia che ha la società di fare gruppo e di stare insieme, cose indispensabili per salvarsi, è penalizzata dalla pandemia: il club sotto l’aspetto della prevenzione è davvero eccezionale".

Indipendentemente da questo, lo ‘Specialone’ crede nell’impresa. "Credo tantissimo nella salvezza, altrimenti non sarei qua. E’ chiaro che qualcosa sul mercato servirà, ma prima voglio vedere i miei ragazzi all’opera. Cosa mi ha portato ad accettare la corte del Corticella – chiude –? La serietà dei personaggi e la loro voglia di restare in Serie D".

Il primo scoglio odierno sarà tutt’altro che semplice dal momento che il Lentigione di ‘Bobo’ Notari occupa attualmente il quarto posto in classifica a quota 21. Impegni complicati anche per le altre tre bolognesi: il Mezzolara cercherà riscatto sul campo del Seravezza mentre il Progresso proverà a sgambettare al ‘Clara Weisz’ di Castel Maggiore la Correggese di Mattia Gori. Match estremamente difficile anche per il Sasso Marconi di Davide Marchini, che farà visita alla capolista Aglianese.

Le altre gare: Bagnolese-Rimini, Fiorenzuola-Real Forte Querceta, Forlì-Pro Livorno, Marignanese Cattolica-Prato, Sammaurese-Ghivizzano.

Classifica: Aglianese 27, Fiorenzuola 23, Pro Livorno 22, Lentigione 21, Correggese** e Prato* 19, Mezzolara* 18, Rimini** e Bagnolese 17, Forlì***, Progresso* e Real Forte Querceta* 16, Sammaurese* 11, Marignanese Cattolica 10, Seravezza* e Sasso Marconi 8, Ghivizzano 6, Corticella* 5. *ogni asterisco una partita in meno.