Bologna, Calafiori prende ancora tempo

Il difensore rossoblù e della Nazionale ha parlato da Coverciano dove è tra i pre-convocati per Euro 2024: “Rimando ogni decisione a dopo gli Europei, sul mio futuro si vedrà al termine dell’avventura in Azzurro”

Il difensore del Bologna e della Nazionale, Riccardo Calafiori, a Coverciano tra i 29 pre-convocati per Euro 2024

Il difensore del Bologna e della Nazionale, Riccardo Calafiori, a Coverciano tra i 29 pre-convocati per Euro 2024

Bologna, 2 giugno 2024 – Il difensore del Bologna e della Nazionale, Riccardo Calafiori, prende ancora tempo e da Coverciano, dove si trova insieme al gruppo dei pre-convocati per Euro 2024,  fa sapere che rimanderà ogni decisione sul proprio futuro a dopo gli Europei.

Resta però il fatto che il mercato lo vede come obiettivo di diversi top club ma che l’intenzione del direttore sportivo rossoblù Giovanni Sartori è quella di non vendere il giocatore alla Juventus.

Il difensore del Bologna e della Nazionale, Riccardo Calafiori, è tra i pre-convocati per l'Europeo
Il difensore del Bologna e della Nazionale, Riccardo Calafiori, è tra i pre-convocati per l'Europeo

Il Bologna nel cuore

“A Bologna posso dire solo grazie – ha detto Calafiori durante la conferenza stampa dell'Italia nel terzo giorno di raduno a Coverciano -, fin dal primo giorno abbiamo vissuto un'atmosfera bellissima”. E sull’ultimo match contro i bianconeri ha dichiarato: “L'ultima partita contro la Juventus è stata incredibile”.

Altre parole il difensore ventiduenne romano le spende per sottolineare l’affetto dei tifosi bolognesi: “Non mi aspettavo così tanta gente quando abbiamo girato la città col pullman, anche perché era una qualificazione in Champions, non un trofeo”.

La carriera

Calafiori ha poi parlato della carriera, affermando che avrebbe potuto fare lo stesso percorso senza andare a Basilea dove è rimasto un anno prima di arrivare a Bologna dove è stato protagonista di uno straordinario campionato culminato con la qualificazione alla prossima Champions League: “Sono successe una serie di cose e poi è andata così... non punto il dito contro nessuno. Con Mourinho all'inizio ho anche giochicchiato, poi sono andato al Genoa ed è andata male. Nel frattempo a Roma sono salite le quotazioni di altri giocatori, è emersa la possibilità Basilea e sono andato lì”.

Il futuro

Sul futuro Calafiori, che è stato inserito da Spalletti nella lista dei 29 pre-convocati per Euro 2024, ha precisato che "ora non ci penso: siamo in Nazionale, vorrei godermi questa prima convocazione, ce la metterò tutta per andare all'Europeo. Vorrei concentrarmi su questo".

E in generale che "sono contentissimo di tutto ciò che sta accadendo, è una soddisfazione enorme essere qui, un sogno che si avvera. Da Bologna porterei la serenità, la tranquillità, quel divertimento che è fondamentale per fare questo lavoro. Ho scoperto che l'aspetto mentale è importante tanto quello fisico e con Thiago Motta sono riuscito a lavorare su questo".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su