Giuseppe Gazzoni Frascara
Giuseppe Gazzoni Frascara

Bologna, 15 ottobre 2015 - Degli ottant'anni che Giuseppe Gazzoni compie oggi, gli ultimi dieci li ha passati in trincea. Prima si è difeso, ma da qualche mese è passato al contrattacco. Calcio all’italiana, appunto. Come Calciopoli, che nel 2005 costò al Bologna la retrocessione e al suo presidente il default e l’accusa di bancarotta fraudolenta (assolto in primo grado, per la cronaca). 

«Sono stati anni di paure, di rinunce e di umiliazioni, di gente che si voltava dall’altra parte», racconta Gazzoni, assistito dall’avvocato Sacchi Morsiani. Anni bui per il re Sole (dalla famosa pasticca) dell’imprenditoria italiana. Fino al 24 marzo di quest’anno, quando la sentenza della Cassazione ha reso possibili i ricorsi civili nei confronti di Juve e Fiorentina, di Giraudo e Moggi, dei fratelli Della Valle, di Sandro Mencucci, amministratore dei viola e dell’arbitro De Sactis. A loro era già pervenuta la richiesta di risarcimento dei danni per 32 milioni avanzata da Victoria, la finanziaria che alimentava il Bologna. Da martedì scorso i ‘condannati’ hanno sulla scrivania le ulteriori e definitive richieste di Gazzoni.

Eccole, in viva voce: «Ho aggiunto 17 milioni di danni personali, 17 anche per il dissesto della finanziaria di famiglia, la GGF. E altri 15 per aver dovuto cedere a un solo euro, insieme al Bologna, anche la finanziaria che si occupava degli aspetti immobiliari legati allo sviluppo del club. Poi ci sono i 32 già chiesti da Victoria e il totale sarebbe 81. Ma a questi vanno aggiunti 13 milioni di svalutazione e 19 di interessi. La cifra complessiva è di 113 milioni e 628 mila euro». Un’altra richiesta di risarcimento da 68 milioni (90 con interessi e svalutazione) è stata avanzata dall’Atalanta, mentre Brescia e Lecce si sono ritirate dalla ‘partita’.

Gazzoni, la cifra complessiva degli eventuali risarcimenti è spaventosa. Se i giudici la considerassero equa, Juve e Fiorentina dovrebbero rivedere i loro progetti.
«Spaventoso è stato anche ascoltare le registrazioni degli imputati. Spaventoso è stato leggere che la Cassazione ha descritto alcuni protagonisti come competitori sleali».

La sua intransigenza è comprensibile. Ma è anche disposto a transare?
«Non mi aspetto nulla. Molte cause risarcitorie finiscono in transazione. Ne posso accettare una che oscilli fra un terzo e la metà della cifra complessiva richiesta. Di meno sarebbe elemosina».

Tanti denari aiutano a chiudere la ferite?
«No. Fui chiamato pubblicamente ‘fallito’ e nei bar sotto casa qualcuno faceva fatica a salutarmi. Ho vissuto nell’ansia per lungo tempo poi, poco per volta, sono arrivate le riabilitazioni morali. Ora, credo di avere diritto anche al risarcimento. Per essere preciso: il denaro non rimargina le ferite, ma non è il peggior balsamo in commercio».

Come sono ripartite le sue richieste?
«Sarà il giudice a stabilire se la cifra complessiva è corretta ed, eventualmente, a obbligare i colpevoli di Calciopoli al risarcimento. Dopodiché toccherà a loro trovare un accordo per liquidarmi».

Quando entrò in trincea disse che non sapeva se avrebbe visto la fine di questa storia. Ora, se non altro, lo scenario è chiaro.
«Confermo ciò che dissi nel 2006: ho ottant’anni e non la certezza che quest’ultimo sia un passaggio celere».

Intanto si legge che la Juve, già ‘avvertita’ da lei e dall’Atalanta, non avrebbe accantonato neppure un euro per far fronte a queste spese.
«Credo che Agnelli abbia spiegato ai soci di non averlo fatto perché nessuno è in grado di quantificare la cifra da accantonare. Questo, comunque, non è un problema mio, anche se desta un certo stupore che abbiano stanziato zero, pur avendo già avuto le richieste di Victoria e di Atalanta».

Pare un segno di sicurezza.
«Mi posso augurare solo che il loro sia un eccesso di sicurezza».

Preferirebbe vincere la causa di ‘Victoria’ o quella personale?
«Preferirei fare ambo. Dietro a Victoria esistevano soci che usavano quel capitale solo e soltanto per finanziare il Bologna. Le vicissitudini familiari furono causate dall’effetto domino. Una causa è la diretta conseguenza dell’altra».

Lei potrebbe costare più di quanto vale Pogba.
«E lei mi dica quanto costano dieci anni di vita messa a soqquadro, di beni di famiglia svenduti per far fronte alle richieste pressanti dei giudici del ‘fallimentare’, di ironia a buon mercato subita da chi, leggo la sentenza definitiva, si è comportato in modo sleale».

Del Bologna lei è presidente onorario. Se fosse il proprietario avrebbe tirato diritto come sta facendo l’Atalanta o avrebbe trovato un accordo come ha fatto il Brescia?
«Dodici anni nel calcio qualcosa mi hanno insegnato. Ad esempio che per ridare il sorriso a chi è arrabbiato si può acquistare un giocatore qualsiasi, diciamo poco talentuoso, per una cifra ragguardevole. Non è il mio caso. Anzi, per dirla tutta, non lo è mai stato. Fui io ad aprire il vaso di Pandora delle plusvalenze fasulle e non sono così sicuro di non aver pagato anche quella denuncia con la retrocessione del 2005».

In molti continuano a ripetere che foste voi del Bologna i maggiori colpevoli.
«Retrocedemmo con 42 punti e da allora nessuno è più andato in B neppure con 41. Può darsi che a noi si possano imputare delle colpe, ma sono tutte calcistiche. Qui, invece, si parla di squalifiche mirate, di punizioni ribaltate, di designazioni arbitrali pilotate. Pareva che fossi un visionario, finché la Cassazione ha finalmente ristabilito la verità».

Sono stati dieci anni di stati d’animo altalenanti, giusto?
«Per qualche tempo la situazione è stata surreale: esistevano i colpevoli ma non le vittime. Poi l’avvocato Catalanotti fu bravo a riammettere al processo le parti lese».

Gazzoni, ottant’anni oggi e non ha il tempo di mettere ordine negli scaffali della sua vita.
«Do un’occhiata a due simboli della mia vita e dico a me stesso che non è andata poi così male: la nomina a Cavaliere del lavoro, che mi fu conferita nel 1991 dall’allora presidente Cossiga e che sta sulla parete di fianco a quella di nonno Arturo, il fondatore della Gazzoni. E la foto di Roberto Baggio in maglia rossoblù. Oggi sono felice di aver portato a Bologna un Pallone d’Oro. Mi auguro che Joey Saputo conceda il bis».