Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 giu 2022

Doppio piano per il Bologna 2016 Guerri: "Pronti al ripescaggio"

"Non acquisiremo diritti da altri club: abbiamo commesso diversi errori. Ripartiremo più forti"

10 giu 2022
Il Bologna 2016 di coach Giovanni Lunghini a testa bassa. La serie con Olginate e il successivo ko con Oleggio hanno decretato la retrocessione (Schicchi)
Il Bologna 2016 di coach Giovanni Lunghini a testa bassa. La serie con Olginate e il successivo ko con Oleggio hanno decretato la retrocessione (Schicchi)
Il Bologna 2016 di coach Giovanni Lunghini a testa bassa. La serie con Olginate e il successivo ko con Oleggio hanno decretato la retrocessione (Schicchi)
Il Bologna 2016 di coach Giovanni Lunghini a testa bassa. La serie con Olginate e il successivo ko con Oleggio hanno decretato la retrocessione (Schicchi)
Il Bologna 2016 di coach Giovanni Lunghini a testa bassa. La serie con Olginate e il successivo ko con Oleggio hanno decretato la retrocessione (Schicchi)
Il Bologna 2016 di coach Giovanni Lunghini a testa bassa. La serie con Olginate e il successivo ko con Oleggio hanno decretato la retrocessione (Schicchi)

Con l’integrità di chi ha digerito lo sconforto di una retrocessione e guarda avanti, il presidente del Bologna 2016 Rossano Guerri torna a parlare dopo il declassamento in C Gold. In casa rossoblù inizia una nuova fase di rinnovamento in vista della prossima stagione: il cantiere si è appena aperto e nelle prossime settimane, una volta capita la collocazione del club verranno tolti i veli su migliorie societarie, guida tecnica e roster.

"Abbiamo da poco smaltito la delusione, ma era una sorta di morte annunciata. Quando in gara-quattro con Olginate sei a +8 a due minuti dalla fine e la butti via non puoi recriminare. Al di là del loro canestro allo scadere ci siamo scaricati e gara-cinque è stata l’antipasto di quello ci ha portati alla retrocessione".

Bologna al bivio: o ripescaggio in serie B, o C Gold.

"Come sempre il campo è il miglior giudice. Pazienza se abbiamo perso, l’importante è ammettere di aver commesso degli errori societari. Parte tutto da lì e accettiamo con serenità la sconfitta. Il prossimo anno, a seconda del campionato, imbastiremo una squadra competitiva: se verrà accettato il ripescaggio bene, altrimenti non acquisiremo alcun diritto".

Una stagione iniziata con due allenatori cambiati, tanta sfortuna e la quasi impresa di coach Giovanni Lunghini. "La delusione è maggiore pensando al bel finale di stagione regolare che abbiamo fatto, però siamo stati tormentati dagli infortuni e abbiamo giocato gli spareggi con due play fuori e con Beretta e Fontecchio a mezzo servizio. Sono contento dei ragazzi, ho apprezzato l’impegno di tutti".

I prossimi passi. "Se facciamo la Gold la facciamo per vincere, se facciamo la B non vogliamo rivivere il calvario di quest’anno. Faremo degli incontri per modificare alcune cose nella società, poi decideremo la struttura tecnica parlando con lo staff e con Lunghini, che ha fatto un buon lavoro, e coi giocatori, per capire chi vuole rimanere".

Giacomo Gelati

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?