Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2022

Effe, con Napoli servirà tutto il PalaDozza

L’Aquila chiamata a non sbagliare per restare in pista: la società spera che i tifosi domenica diano la spinta decisiva per la lotta salvezza

Decisivo il contributo di Matteo Fantinelli, rientrato in campo dopo dieci mesi di riabilitazione e subito un’arma in più per. coach Martino ciamillo-castoria)
Decisivo il contributo di Matteo Fantinelli, rientrato in campo dopo dieci mesi di riabilitazione e subito un’arma in più per. coach Martino ciamillo-castoria)
Decisivo il contributo di Matteo Fantinelli, rientrato in campo dopo dieci mesi di riabilitazione e subito un’arma in più per. coach Martino ciamillo-castoria)

Sarà un conto alla rovescia lunghissimo quello che accompagnerà la Fortitudo fino alla partita di domenica. Il ritornello è sempre lo stesso: con una vittoria al PalaDozza contro Napoli la Effe continua ad avere il proprio destino nelle sue mani, mentre con una sconfitta i biancoblù saranno matematicamente retrocessi. L’attesa è lunghissima e per la passionalità con cui l’ambiente dell’Aquila vive questi momenti è anche parecchio snervante. Nel frattempo la società punta a riempire gli spalti di piazza Azzarita per dare maggior corpo a quel sesto uomo in campo che è rappresentato dai tifosi e che, da quando non ci sono più limitazioni alla capienza, è tornato a fare la differenza.

Si parte da qui per una gara dove non si capisce bene se i padroni di casa partiranno favoriti oppure no, dato che i partenopei sulla carta hanno un valore tecnico superiore, ma sono in crisi nera dal punto di vista dei risultati avendo infilato la quarta sconfitta consecutiva nonostante la società abbia fatto sforzi notevoli per rinforzare il roster. Discorso diverso per la Kigili che da quando ha asciugato le rotazioni ha migliorato i suoi risultati anche se sul mercato non ha trovato quello che voleva ed è stata costretta a fare di necessità virtù. L’infortunio di James Feldeine che ha tolto definitivamente dai giochi l’esterno statunitense è stata una mezza tegola per il coach fortitudino Antimo Martino che ora deve fare affidamento sulle capacità tecniche di Branden Frazier. Fino a qui il numero 00 biancoblù non ha fatto vedere grandi cose, ma ora che ha campo libero potrebbe avere quel sussulto necessario per dare un miglior contributo alla causa. Nelle file campane milita Leonardo Totè, uno dei giocatori di chi si è privata la Effe per arrivare ad avere solo 89 uomini da gettare nella mischia. È ingeneroso nei confronti del centro veneto pensare che anche Napoli abbia cercato poi altre soluzioni per rinforzare il settore dei lunghi, perché a volte si ha l’impressione che a questo atleta non si dia lo stesso credito che si dà ai giocatori stranieri di uguale statura e talento.

In ogni caso ieri la Effe si è allenata sapendo che domenica ci si gioca il tutto per tutto con Matteo Fantinelli che, dopo dieci mesi di riabilitazione, è tornato in campo facendo subito la differenza. Il play faentino, con il suo spiccato istinto per i rimbalzi e con la sua capacità di mettere in ritmo i compagni, vale sicuramente l’aggiunta di un altro americano.

Massimo Selleri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?