Ex premier, stelle e tanti amici: che festa per i 75 anni dell’Uisp

Un ex premier, Romano Prodi, il presidente della Cei, l’arcivescovo Matteo Zuppi, un ex sindaco, Virginio Merola. Due ragazzi che mettono insieme quattro partecipazioni ai Giochi Olimpici, Martina Grimaldi e Marco Orsi.

L’Uisp festeggia i 75 anni di vita (e il mezzo secolo di vita del Circolo Nuoto) giocando bene le sue carte. Nella Cappella Farnese, nel cuore di Palazzo d’Accursio, sono quasi 200 le persone che seguono i lavori condotti dalla presidente dell’Uisp, Paola Paltretti. Il cardinale Zuppi regala un video gustoso (partendo dal 1948), l’ex premier Prodi, spesso protagonista di manifestazioni Uisp (dalla 5,30 alla StraBologna) analizza il mondo e augura all’ente di festeggiare anche i 150 anni con lo stesso spirito, la stessa carica.

L’assessora comunale Roberta Li Calzi, padrona di casa, sottolinea l’importanza dell’Uisp e di quello che il mondo dello sport può fare in un momento in cui, tra Bologna e Romagna, si fanno i conti con una spaventosa alluvione. Paolo Pandolfi, direttore del dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl di Bologna si sofferma su quello che lo sport, se praticato, anche come elemento ludico, può dare in termine di salute.

Don Massimo Vacchetti, direttore dell’ufficio diocesano per la pastorale dello sport, porta in regalo una palla di stracci, usata in Uganda, dove si è recato negli ultimi mesi, per giocare al pallone. Quasi un simbolo dello sport per tutti e per tutte le tasche.

Poi gli interventi di Tiziano Pesce (presidente nazionale), Gino Santi (presidente onorario e anima dell’Uisp), Pietro Speziali, numero uno della Fin Emilia Romagna e Lorenzo De Sanctis, presidente del Circolo Nuoto. Lorenzo è cresciuto al fianco di Mauro Riccucci, lo storico presidente, che viene ricordato dagli applausi e dalla moglie Maria Antonietta Pintus. C’è spazio per la commozione, in Cappella Farnese. Poi la scena la prendono Martina Grimaldi e Marco Orsi, i gioielli di casa Uisp.

"Siamo stati molto fortunati – dicono ripensando alle loro carriere – perché l’Uisp ci ha permesso di crescere protetti e coccolati". Per loro un bronzo olimpico, mondiali, europei e decine di medaglie internazionali.

E allora davvero, buon compleanno Uisp (e Circolo Nuoto, naturalmente).

a. gal.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su