Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
5 ago 2022
massimo selleri
Sport
5 ago 2022

Fortitudo: subito Davis, poi tocca a Thornton

Ufficializzato l’arrivo dell’ex giocatore di Biella. Raggiunta anche l’intesa con l’altro statunitense reduce da un anno a Bayreuth

5 ago 2022
massimo selleri
Sport
Il benvenuto che la Fortitudo ha voluto dare a Steven Davis che nella passata stagione è stato protagonista di un ottimo campionato in maglia Biella
Il benvenuto che la Fortitudo ha voluto dare a Steven Davis che nella passata stagione è stato protagonista di un ottimo campionato in maglia Biella
Il benvenuto che la Fortitudo ha voluto dare a Steven Davis che nella passata stagione è stato protagonista di un ottimo campionato in maglia Biella
Il benvenuto che la Fortitudo ha voluto dare a Steven Davis che nella passata stagione è stato protagonista di un ottimo campionato in maglia Biella
Il benvenuto che la Fortitudo ha voluto dare a Steven Davis che nella passata stagione è stato protagonista di un ottimo campionato in maglia Biella
Il benvenuto che la Fortitudo ha voluto dare a Steven Davis che nella passata stagione è stato protagonista di un ottimo campionato in maglia Biella

di Massimo Selleri

La Fortitudo ha ufficializzato l’ingaggio del lungo statunitense Steven Davis. Alto 203 centimetri, classe 1993, nella passata stagione ha vestito la maglia di Biella in serie A2 dando un contributo fondamentale alla straordinaria stagione disputata dal club piemontese con 18,3 punti a partita accompagnati da 6,3 rimbalzi. Da formalizzare anche le intese con Alessandro Panni, Nazzareno Italiano e Valerio Cucci. Nel frattempo la Effe ha raggiunto l’accordo con l’esterno statunitense Marcus Thornton proveniente dalla squadra tedesca del Bayreuth e ora attende la risposta di Pietro Aradori per completare il quintetto. La proprietà è disposta ad attendere qualche giorno per un italiano che in A2 è in grado di fare la differenza, sapendo che l’esterno bresciano dovrebbe sciogliere le riserve entro i primi giorni della prossima settimana.

Le questioni alla base di questa decisione non sono tanto economiche quanto legate alla scelta di scendere di categoria firmare un lungo contratto con l’Aquila.

In questo ultimo periodo la Effe ha avuto un cambio di passo e e ora sta allestendo una squadra di prima fascia, anche se non parte con la pressione di vincere il campionato a tutti i costi, dovendo prima sistemare altre questioni, come la distanza che si è creata tra la tifoseria e chi controlla il club.

Una formazione dalla forte identità fortitudina potrebbe non essere sufficiente vista la richiesta di un cambio di proprietà avvenuta dopo la retrocessione. All’orizzonte non si è presentato nessuno, ma uno degli obiettivi dell’attuale consorzio Fortitudo è quello di gettare le basi perché tutto sia in ordine qualora vi sia una realtà interessata a rilevare il tutto.

Nel frattempo il club è stato messo nei giusti binari e ora si attende la campagna abbonamenti per vedere quanto questi sforzi siano stati compresi.

L’arrivo alla presidenza di un imprenditore tifoso come Valentino Di Pisa è una garanzia che il progetto resterà sempre nei confini della fattibilità, senza fare il passo più lungo della gamba, ed è questo il punto di partenza per riportare entusiasmo.

Stando a quanto riportato dalla proprietà di Fortitudo Pallacanestro 103 dovrebbe essere stato ratificato l’accordo triennale, raggiunto da tempo, con la Sg Fortitudo, società nota anche con il titolo di Casa Madre, per l’utilizzo del marchio con la Effe scudata. Intesa che, però, venne smentita una decina di giorni fa dal presidente della Sg Andrea Bianchini.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?