FILIPPO MAZZONI
Fortitudo

Fortitudo Trapani, gara 3 venerdì 7 giugno la sfida al PalaDozza

Via al match alle 21: stop alle polemiche, ora si gioca

Fortitudo Trapani, gara 3: la carica prima del match

Fortitudo Trapani, gara 3: la carica prima del match

Bologna, 6 giugno 2024 – Basta polemiche si gioca. Domani è finalmente tempo di gara 3 di finale promozione tra Fortitudo e Trapani. Dopo polemiche, provocazioni finalmente le parole troppe e troppo spesso fuori luogo lasciano finalmente spazio al basket giocato. Dalla palla a due delle 21 si penserà solo a canestri, rimbalzi, assist, difesa a zona e uomo, contropiede, tiri liberi, triple.

Basta con le troppe inutili parole che hanno avvelenato una serie in cui, al netto dell’infortunio di Pietro Aradori dopo appena 2’ di gara 1 e soprattutto dopo le topiche, di ciò in effetti si tratta, della terna in gara 2, avremmo voluto parlare solo di basket. E invece dalla polemica dei biglietti, al trattamento tenuto nei confronti coach Caja, alla richiesta più provocatoria che altro di giocare gara 4 (quando c’è sempre gara 3 da giocare) a porte chiuse, in questi giorni si è parlato più fuori dal campo che in campo. Sul parquet non ci sarà purtroppo Pietro Aradori la cui serie è terminata ancor prima di iniziare, ma ci sarà Mark Ogden. Dopo il pugno nello spogliatoio post gara 2 e il brutto taglio alla mano destra, quella con cui tira, il lungo di San Diego sarà in campo domani sera, con la Fortitudo sotto 0-2, chiamata a vincere per riaprire la serie, che altrimenti, celebrazioni già organizzate per la prossima settimana, vedrà i siciliani festeggiare il ritorno in serie A dopo trent’anni. Ci sarà Ogden, mentre invece sembra che nonostante le rassicurazioni ricevute da Fortitudo, Questura e Digos non sarà presente al PalaDozza Valerio Antonini patron di Trapani. Tornando, che è meglio, al basket giocato, a parlare in casa Trapani è stato coach Andrea Diana che avrà tutti gli effetti a propria disposizione. “Arriviamo da una gara 2 in cui abbiamo sofferto il livello di intensità di Bologna su entrambi i lati del campo, mostrando un gioco che non mette in evidenza le nostre migliori qualità. Abbiamo approcciato la partita in maniera meno efficace rispetto a gara 1, e questo ha significato iniziare faticando e rincorrendo. Adesso ci spostiamo al PalaDozza, tempio del basket italiano, sapendo che andiamo ad affrontare una squadra che non molla mai e che vuole allungare la serie. Sta a noi presentarci con lo spirito giusto. Un diverso approccio e continuità sui 40 minuti saranno fondamentali per chiudere e coronare il sogno nostro e di una città intera”.

Arbitri – Direzione di gara affidata a Boscolo Nale, Wassermann, De Biase Radio & Tv – Diretta tv su RaiSport Hd, streaming su Rai Play, radio su Nettuno Bologna Uno, differita su Trc.  

Continua a leggere tutte le notizie di sport su