Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
23 mag 2022

La Virtus si rimette nelle mani di Teodosic

Venerdì inizia la serie con Tortona: l’asso serbo ha un conto da regolare con i piemontesi che risale all’ultima Final Eight

23 mag 2022
massimo selleri
Sport
Milos Teodosic, 35 anni, uno dei leader della Virtus (Ciamillo)
Milos Teodosic, 35 anni, uno dei leader della Virtus (Ciamillo)
Milos Teodosic, 35 anni, uno dei leader della Virtus (Ciamillo)
Milos Teodosic, 35 anni, uno dei leader della Virtus (Ciamillo)
Milos Teodosic, 35 anni, uno dei leader della Virtus (Ciamillo)
Milos Teodosic, 35 anni, uno dei leader della Virtus (Ciamillo)

di Massimo Selleri

Nelle semifinali playoff si rinnova la sfida tra Virtus e Tortona. In questa stagione le due squadre si sono già affrontate quattro volte con risultati differenti.

La V nera ha vinto in Supercoppa e nella gara di ritorno in casa, mentre i piemontesi hanno fatto lo sgambetto alla formazione allenata da Scariolo sia nel girone d’andata sia a Pesaro nella Final Eight di Coppa Italia.

Quella sconfitta venne definita come la più brutta da quando il marchio della Segafredo è sulle maglie bianconere ed ebbe l’effetto di convincere il presidente Massimo Zanetti a mettere mano al portafoglio per portare sotto le Due Torri Daniel Hackett e Toko Shengelia.

Il primo sarebbe stato un obiettivo di mercato per la prossima stagione, mentre il secondo non era neppure nei progetti, ma l’invasione russa dell’Ucraina ha sparigliato tutti i giochi e la Virtus ne ha approfittato portando a casa due elementi che ha hanno rivoltato la squadra come un calzino.

La serie parte venerdì e al di là del fattore campo c’è anche la lunghezza del roster a fare la differenza in favore della V nera, anche se da oggi in poi le dichiarazioni all’insegna della prudenza giustamente si sprecheranno nei paraggi dell’Arcoveggio.

Non è da sottovalutare neppure una terza variabile che porta il nome di Milos Teodosic. Il fuoriclasse serbo vorrà sicuramente vendicare quanto è accaduto a febbraio durante la Coppa Italia e, visto quello quanto è accaduto in EuroCup, c’è da scommetterci che nelle gare che contano metterà in campo quel qualcosa in più che lo porta ad essere un giocatore vincente.

Tortona ha dalla sua parte il fatto di giocare senza pressione sapendo che una matricola che arriva in semifinale ha già fatto tanta strada e ora deve solo tentare di fare un passo in avanti per allungare questo sogno. Un sogno che ha i piedi ben radicati a terra grazie ai punti messi a segno dall’esterno Jp Macura e dal lungo Mike Daum, ma più in generale è l’intesa raggiunta tra i giocatori a fare la differenza. Il calendario della serie prevede che si giochi a Bologna venerdì e domenica, mentre il 31 maggio ci si sposterà a Casale Monferrato, nella tana dei piemontesi. Anche questa serie è al meglio delle 5 partite.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?