Folla per la prima uscita del campione Milo Tedosic (foto Schicchi)
Folla per la prima uscita del campione Milo Tedosic (foto Schicchi)

Bologna, 17 luglio 2019 – E' stata la giornata della presentazione di Milos Teodosic e quello della campagna abbonamenti, un vero e proprio Virtus Day per la felicità dei tanti tifosi bianconeri. Erano circa 500 i sostenitori presenti quest'oggi alla Porelli in occasione della prestazione a stampa, sponsor e tifosi del campione serbo, arrivato alla Virtus per riaprire un nuovo ciclo vincente.

"Bologna è la città del basket, ha una grande storia, e non ho avuto bisogno di tanto tempo per decidere – conferma Milos Teodosic (FOTO) - Ho parlato con Djordjevic e mi ha convinto; sono contento di essere qui e ora voglio cercare di riportare la Virtus in alto, rinverdendo un passato importante".

false

Una Virtus che punta in alto.
"Sono qui perché credo che questo team meriti di fare l’Eurolega, questa organizzazione, questa città e questa gente lo merita. Prima però dobbiamo vincere l’Eurocup".

Teodosic, fermo da febbraio, come sta?
"Sto bene – conferma lo stesso giocatore - ho già iniziato a lavorare e domani inizieremo la preparazione con la Nazionale. I problemi sono passati, sia fisicamente che mentalmente".

L'avversaria, in Italia sarà ovviamente Milano, con Teodosic che indosserà la maglia 44, ma quali obiettivi per la Virtus?
"Non dobbiamo porci obiettivi, vogliamo lottare e fare di tutto per vincere. Questo è un grande team, come ho detto lo seguo da quando ero piccolo, e ora la Virtus ha bisogno di una nuova era di cui voglio fare parte".

I tifosi?
"Sono sorpreso, me lo avevano detto ma dal vivo è fantastico".

Gli abbonamenti

Prima della conferenza stampa di Teodosic il gm Luca Baraldi ha invece presentato la nuova campagna abbonamenti, con il claim “Fuoco nel Cuore” e un costo di abbonamenti rimasto invariato. "Abbiamo l'ambizione di raggiungere almeno 5.000 abbonati per dare un segnale di calore e vicinanza alla proprietà e alla squadra – conferma Baraldi – obiettivi? Arrivare ai playoff e fare più strada possibile, e un Eurocup arrivare in finale, vorrebbe dire tornare in Eurolega".

PalaDozza, ma non solo

"Ci riserviamo in modo generico di giocare alcune partite non al PalaDozza. In talune occasioni servirà un contenitore di gioco con più spazio, certamente incassare di più ma anche di dare la possibilità ai tifosi di assistere alle partite. Stiamo lavorando con la Fiera di Bologna, è un’idea che ho avuto io. Hanno un contenitore meraviglioso, che può contenere la replica del PalaDozza, ovale. I nostri abbonati avranno lo stesso posto, cosa che l’anno scorso non è stata possibile". Diecimila posti ma stessa visibilità per un impianto che ospiterà sicuramente il derby casalingo della Virtus, forse anche quello della Fortitudo ma anche altro. "Sì, se tutto l’impianto funziona i playoff – e non faccio neanche gli scongiuri – e l’eventuale fase finale di Eurocup le giocheremo lì, previe le varie autorizzazioni necessarie".