Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

Virtus Bologna ko a Milano: l'Olimpia è campione d'Italia

La formazione di Sergio Scariolo sconfitta 81-64 al Mediolanum Forum. L’Armani chiude la serie 4-2 e scuce lo scudetto proprio dalla maglia bianconera

18 giu 2022
filippo mazzoni
Sport
Niccolo Mannion
A|X Armani Exchange Olimpia Milano - Segafredo Virtus Bologna
Legabasket LBA Serie A UnipolSai 2021-2022
Playoff - Finale - Gara 6
Milano, 18/06/2022
Foto L.Canu / Ciamillo-Castoria
Mannion in azione contro l'Armani
Niccolo Mannion
A|X Armani Exchange Olimpia Milano - Segafredo Virtus Bologna
Legabasket LBA Serie A UnipolSai 2021-2022
Playoff - Finale - Gara 6
Milano, 18/06/2022
Foto L.Canu / Ciamillo-Castoria
Mannion in azione contro l'Armani

Milano, 18 giugno 2022 – L’AX Armani Milano batte la Virtus 81-64, chiudendo la serie 4-2 e si laurea Campione d’Italia scucendo, proprio dalle maglie bianconere, lo scudetto. In una gara-6 tesa, dura e fomentata dal batti e ribatti extra campo dei giorni scorsi, la formazione di Ettore Messina riesce ad imporsi ed a conquistarsi il titolo tricolore. La temperatura all’interno del Mediolanum Forum di Assago è caldissima, con i 12mila posti esauriti e forse incapaci di contenere la passione delle due tifoserie, con relative polemiche vista l’impossibilità di tanti supporters bianconeri di trovare biglietti tramite il sistema vivaticket.

In campo le squadre non lesinano le poche energie ancora a disposizione pur di cercare di prevalere l’una sull’altra e Milano in effetti sembra averne fin da subito decisamente di più. Scariolo propone una Virtus che nel quintetto iniziale schiera Hackett, Belinelli, Weems, Shengelia e Jaiteh. Messina invece ripropone il consueto starting-five, escluso gara-5, con Rodriguez, Shields, Datome, Bentil e Hines. L’inizio di sfida è tutto per l’Olimpia che vola subito, con Shields immarcabile e al 7’ è avanti 20-7. La Virtus arranca, fatica ad entrare in partita, con Milano che al primo break (massimo vantaggio +14 sul 25-11) è sopra 29-16.

Alla ripresa del gioco, Milano allunga sul 32-16, poi ecco la Virtus decisa a non mollare e vogliosa di combattere fino alla fine. Shengelia e comapgni ci provano più con la forza di nervi che con tattica e fisicità con i bianconeri che risalgono fino a -5, 41-36 al 19’, prima di chiudere in svantaggio di 7, 43-36 all’intervallo. E’ l’ultimo sforzo fisico e mentale della Virtus che nella ripresa non segna per oltre 5’ e vede Milano, con Datome in grandissima serata al tiro, scappare. Tra finale di secondo quarto e inizio di terzo l’Armani infila un break di 12-0 per il 53-36. All’ultimo stop Milano è avanti 61-46.

Nella quarta frazione la sfida, la serie e lo scudetto non hanno più storia. L’Armani dilaga nei confronti di una Virtus svuotata di energie fisiche e mentali e che chiude con una sconfitta una stagione che con la vittoria di SuperCoppa e soprattutto della EuroCup può comunque dirsi decisamente positiva. L’approdo alla prossima edizione dell’EuroLega è un obiettivo che è stato centrato, ma è ovvio che adesso ci sia l’amarezza per la sconfitta nella finale scudetto.

Il tabellino

AIX ARMANI MILANO 81
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 64

AIX ARMANI MILANO: Rodriguez 12, Shields 15, Datome 23, Bentil 6, Hines 8; Melli 8, Ricci, Hall 2, Baldasso, Grant 7, Biligha ne, Alviti ne. All. Messina.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Hackett 6, Belinelli 3, Weems 2, Shengelia 8, Jaiteh 9; Pajola 2, Teodosic 5, Cordinier 2, Sampson 6, Alibegovic 9, Mannion 6, Tessitori. All. Scariolo.

Arbitri: Baldini, Attard, Paternicò.

Note: parziali 29-16, 43-36, 61-46.

Tiri da due: Milano 23/41; Virtus 9/23. Tiri da tre: 9/24; 9/25. Tiri liberi: 8/8; 13/15. Rimbalzi: 32; 31.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?