Partita importante per la Virtus (foto Ciamillo)
Partita importante per la Virtus (foto Ciamillo)

Bologna, 16 ottobre 2020 - Cremona sembra abbia insegnato, guai a scendere in campo non con la giusta grinta e la concentrazione migliore. Alla vigilia della sfida di domani pomeriggio con Reggio Emilia, in programma alle 17 alla Segafredo Arena, Aleksandar Djordjevic tiene alta la concentrazione della sua Virtus.

“Ci aspetta un avversario preparato, che ci ha già fatto vedere di che pasta sia fatto. Dobbiamo essere vogliosi e grintosi, affrontare questa partita con cattiveria cercando i due punti - conferma il coach serbo -. I ragazzi si sono allenati bene e il tampone è andato bene, la quotidianità è ormai questa. Oggi pomeriggio ci aspetta l’ allenamento alla Segafredo Arena: c’è qualche acciacco che però rientra nella normalità. Vediamo oggi se Pajola potrà rientrare con la squadra, in questo momento aspetto notizie da lui e dai medici. Abbiamo lavorato sulla durezza, abbiamo capito quello di cui abbiamo bisogno sempre. La nostra squadra non si può permettere pause, mentali e tecniche, abbiamo posto l’attenzione su questo aspetto”.

Voglia e concentrazione per un'avversaria che già in Supercoppa aveva ben figurato ma che la Virtus aveva battuto in entrambe le sfide. “La voglia è quella di avere tutti in buona forma, fisica e psichica. Il mio investimento personale è stato quello di portare a cena Josh Adams la sera prima della partita con il Kuban, è anche questo il dovere del coach. Noi dobbiamo essere intensi per 40′ è il nostro obiettivo e su questo lavoriamo, a volte ci riusciamo e altre volte no. I giocatori devono avere la testa vuota per reagire bene sul campo, soprattutto in questo particolare inizio di stagione. La squadra non può dipendere da un giocatore, non funziona che entra lui e la sistema. Voglio la fame, è la parola chiave: dimenticare il passato, farsi un bagno di umiltà ed entrare in campo per a giocare ogni partita fino alla fine”.

Soddisfatto delle prestazioni di Alibegovic? “Da lui non mi aspetto meno, ma devo dire che ha reagito come sa fare. È un ragazzo con tanto coraggio e tanta forza, ha un fisico micidiale molto simile a suo padre. Dobbiamo sfruttarlo bene, deve imparare a leggere la pallacanestro: le letture sono il nostro punto forte ma allo stesso tempo il punto debole quando non siamo concentrati.”

Radio - Tv  - Diretta Tv dalle 17 su Eurosport 2 e Eurosport Player e diretta radio di Nettuno Bologna Uno.