Cournooh (Foto LaPresse)
Cournooh (Foto LaPresse)

Varese, 13 gennaio 2019 – Un'ottima Virtus Segafredo passa a Varese, si impone 86-79 e chiude con una vittoria, bella e importante, il girone di andata. I risultati provenienti dagli altri campi favoriscono la Virtus Segafredo, che già prima di scendere in campo con i lombardi, sa benissimo di essersi già conquistata un posto alle Final Eight di Coppa Italia in programma a Firenze.

Indipendentemente dal confronto di Masnago i bianconeri sono infatti ottavi e nel quarto di finale in programma al Mandela Forum, il 14 febbraio, affronteranno Milano. In campo la Virtus si presenta invece con Yanick Moreira subito titolare e con Brian Qvale dirottato in tribuna. Punter e M'Baye partono fortissimo, anche se alla lunga si spengono; Taylor guida e segna, Martin è dominante sui due lati del campo, mentre la piacevolissima novità arriva dall'eccellente esordio di Yanick Moreira che, senza strafare ma con grande sostanza, chiude la sua prima in bianconero con 13 punti e 6 rimbalzi.

VIRTUS1_OBJ_FOTO_36242541

I bianconeri partono subito bene, con eccellenti percentuali al tiro confermate per tutta la sfida. Al 4' Virtus doppia Varese sul 16-8, nell'azione successiva, al 5' il distacco tocca la doppia cifra sul 18-8 grazie sopratutto alla vena realizzativa iniziale di Punter, alla regia e ai punti di Taylor e ai canestri di un ispirato M'Baye. L'inerzia della sfida non cambia ad inizio secondo quarto. La tripla di Cournooh vale il 22-34 al 12', massimo vantaggio successivamente ritoccato prima da Martin e dai primi due punti in Virtus di Moreira che al 18' valgono il +14 sul 29-43. All'intervallo bianconeri avanti 45-33.

Al ritorno in campo Varese inizia pian piano a ricucire lo strappo, mettendo grande aggressività in difesa e infilando un super parziale di 15-2.
Le triple di Tambone, Natali e Avramovic riportano i padroni di casa a -1 sul 51-52 al 27'. Il gioco da 3 di Tambone, canestro e libero aggiuntivo, valgono il 54-54 al 29' riequilibrando la sfida. L'inerzia è tutta per Varese, che mette il naso avanti con il canestro di Avramovic sul 56-54, ma le triple di Martin e Baldi Rossi, chiudono il break lombardo e ribaltano il punteggio con la Virtus sopra di 4, 60-56 al 30'.

Il parziale bianconero continua nell'ultima frazione di gioco, toccando il 14-2 per il 58-68 del 33'. Ls sfida continua a procedere a strappi. Varese si riporta per l'ultima volta sotto, a -3 sul 65-68 al 35'. La Virtus tiene, torna a segnare con fluidità, portandosi di nuovo sul +8, 65-73, ma perde per infortunio, distorsione alla caviglia, Cournooh. La difesa bianconera fermano l'attacco di Varese, mentre Taylor, Martin e Moreira segnano e consentono alla Virtus di gestire il cronometro molto bene nel finale senza più rischiare.

Il tabellino della sfida
Openjob Metis Varese 79
Virtus Segafredo Bologna 86
OPENJOB METIS VARESE: Archie 13, Avramovic 11, Gatto ne, Iannuzzi, Natali 9, Salumu 8, Scrubb 15, Verri ne, Tambone 7, Cain 11, Ferrero ne, Moore 5. All. Caja.
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Punter 5, Martin 14, Moreira 13, Pajola, Taylor 21, Baldi Rossi 3, Cappelletti ne, Kravic 8, Aradori 1, Berti ne, M'Baye 15, Cournooh 6. All. Sacripanti.
Arbitri: Biggi, Bartoli e Nicolini.
Note: parziali 20-29, 33-45,
Tiri da due: Varese 20/43; Virtus 18/40. Tiri da tre: 7/26; 11/17. Tiri liberi: 18/24; 17/18. Rimbalzi: 37; 32.