Bologna, 19 Marzo - Otto squadre femminili, tutte italiane, in lotta per il titolo. E' questa una delle grandi novità dell'edizione 2018 di “We Love Football”, torneo internazionale giovanile under 15 che dal 28 marzo al 2 aprile torna protagonista a Bologna. La kermesse sportiva ideata dall'ex bandiera rossoblù Marco De Marchi, giunta al terzo giro di boa, si è infatti arricchita di un bel numero di “quote rosa”, passando dalle tre squadre dell'anno scorso alle otto di quest'anno. Oltre alle 16 formazioni professionistiche maschili giunte da tutto il mondo (otto le nazioni coinvolte), ci sarà dunque un nutrito gruppo di ragazze pronte a darsi battaglia sul campo per mettere in mostra le proprie qualità e la loro grande passione per il calcio.

IL FORMAT
Il torneo femminile, a differenza di quello maschile, prevede una formula “concentrata che promette spettacolo. Il 29 marzo, a partire dalle ore 12, le “millennials” di Bologna Femminile, Cesena, Inter, Roma, Udinese, Venezia Femminile e Verona si sfideranno sui campi in erba sintetica dello stadio “Enrico Filippetti” di Zola Predosa dando vita a dodici avvincenti partite. Suddivise in due gironi da quattro, ogni squadra disputerà tre gare nel giro di poche ore: la prima classificata di ogni raggruppamento guadagnerà il pass per la finalissima, in programma il 2 aprile (ore 9.30) al “Renato Dall'Ara”. Un premio per queste piccole campionesse del futuro, che potranno così assaporare per la prima volta (o quasi) l'emozione di giocare in uno stadio vero e proprio.
A difendere il titolo 2017 sarà il Bologna, ancora una volta guidato da Daniela Tavalazzi. Ma il compito delle rossoblù, che l’anno scorso dominarono il triangolare con Cesena e Sassuolo chiudendo imbattute con 20 gol fatti e appena 1 subito, si presenta tutt’altro che semplice. “We Love Football è una grande opportunità - spiega Daniela Tavalazzi, responsabile del settore femminile del Bologna - perché permette alle nostre ragazze di dimostrare il proprio valore di fronte a una platea internazionale. Inoltre, giocare a Bologna rappresentando i colori della mia città è uno stimolo in più, così come il fatto che quest’anno il torneo comprenda otto squadre. Chissà, magari nel 2019 verranno anche il Barcellona e il Real Madrid, sarebbe bello potersi confrontare con realtà di alto livello mondiale. Noi, comunque, anche quest’anno proveremo a dire la nostra, fermo restando che gli obiettivi, in ambito giovanile, sono la crescita e la formazione delle ragazze”.

 

GIRONE A
Bologna Femminile, Cesena, Inter, Venezia Femminile

GIRONE B
Perugia, Roma, Udinese, Verona