Tifosi del Cesena in manifestazione
Tifosi del Cesena in manifestazione

Cesena, 18 luglio 2018 - Il fermento è tanto, la possibilità di formare un nuovo Cesena iniziando dai dilettanti (si spera dalla D) interessa diversi gruppi anche se al momento adesioni ufficiali al bando indetto dal sindaco (scadenza venerdì alle 12 per le domande via pec, lunedì per corrispondenza) non ne sono arrivate. Naturale, l’Ac Cesena si è arreso lunedì. Da Firenze si fa avanti un consulente fiscale premiato anche di recente a Milano Marittima con il ‘Carlino d’oro’ per ‘Fisco e sport’ come Francesco Giuseppe Cioffi che fa parte dello studio tributario e legale Russo (sedi a Firenze, Milano e Roma).

Ha le idee chiare, il Cesena da sempre nel cuore, lo ha seguito spesso al Manuzzi: “Mi sento un cesenate d’adozione”. Poi è subito concreto: «Rappresento un gruppo forte di imprenditori fiorentini, ma verso l’Appennino... Hanno tutte le possibilità di affrontare la D e dopo un po’ di mesi ampliare il discorso, più strutturato». Evidenzia un limite nell’iter: “La scadenza del 20 luglio è stringente. Ricordiamo che il Cesena ha rinunciato alla B lunedì e fino ad allora nessun gruppo serio si sarebbe mai fatto vivo con il club ancora in vita. Il piano triennale da presentare è complicato, il termine è davvero stringente e per tutti». Poi avanza una richiesta che favorirebbe l’adesione al bando: «Servirebbe un confronto diretto con l’amministrazione, anche convocato in fretta. La D sarebbe il primo passo”.

Tifosi del Cesena in manifestazione

Intano l’interesse c’è, le voci sono molteplici. Da un gruppo maltese a quello collegato, attraverso un intermediario, al noto avvocato modenese Gianpiero Samorì che ha già partecipato al bando per il Modena Calcio. Filtra anche l’indiscrezione di un interessamento del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero. Poi le realtà romagnole. Tra queste Pubblisole la holding formata da 26 aziende che si occupa di organizzazione, promozione e comunicazione di eventi. Tra i numerosi interventi in campo sportivo ha curato l’operazione per il contratto decennale (ora messo in discussione dal Comune) di intitolazione all’Orogel dello stadio. Ha raccolto l’adesione di diverse aziende, tra cui alcune socie per sviluppare un piano triennale di appoggio pubblicitario al nuovo Cesena. Alcune di queste realtà potrebbero dare vita a una cooperativa per partecipare al bando indetto dal Comune per l’assegnazione del diritto sportivo, ma l’auspicio è che intervenga un soggetto con maggiori disponibilità finanziarie.

Da tenere sempre presente la chance Romagna Centro che porterebbe in dote la D, il vivaio e una buona organizzazione con dirigenti come Daniele Martini, Michele Manuzzi e anche Lorenzo Lelli che ha guidato il settore giovanile del Cesena. Potrebbe anche presentarsi un gruppo collegato con l’ex dg del Cesena Luca Mancini ora al timone del San Marino.