Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Pescara-Cesena finisce 0-0, un altro punto verso la salvezza

Ora ci sono sei squadre alle spalle e un punto in più di allungo sul quintultimo posto

di GIANLUCA MARIOTTI
Ultimo aggiornamento il 1 maggio 2018 alle 17:37
Valzania (Pescara) tenta di superare Fulignati (Cesena)

Cesena, 1 maggio 2018 - Un Cesena di sofferenza, ma di continuità: a Pescara finisce 0-0 e arriva il quinto punto nelle ultime tre partite. Quindi un altro mattoncino verso la salvezza diretta.

I bianconeri non regalano spettacolo, anzi devono ringraziare Fulignati per la grande parata su Fiamozzi, su azione d’angolo, che salva il risultato. Al netto dell’intervento, è comunque la terza partita di fila per i romagnoli senza subire gol: ecco il vero passo in avanti compiuti dai ragazzi di Castori. Per il Cesena bene nuovamente Scognamiglio, già il migliore contro il Frosinone e Brescia, benino Vita, da rivedere Emmanuello e Dalmonte anche se in teoria dovevano essere i più freschi dopo aver riposato con il Frosinone.

Compito più difficile per Donkor e Fazzi, costretti a marcare Capone e Mancuso, assieme a Valzania, i migliori e più ispirati del Pescara. Laribi, per turn-over, è entrato nel corso del secondo tempo, mentre è stata una gara complessa per Jallow. Buon apporto per Chiricò appena entrato.

Un punto che dunque proietta il Cesena a quota 43 in classifica. Le buone notizie però non terminano qui, anzi quelle più grandi sono arrivate dagli altri campi: l’Avellino ha perso (0-2 in casa con il Cittadella), Entella ed Ascoli nello scontro diretto non sono andati oltre l’1-1, il Novara dopo essere andato in vantaggio a Cremona è stato raggiunto (1-1), Ternana e Pro Vercelli hanno perso con Parma e Venezia e considerati i 37 punti ormai sono con più di un piede in serie C.

Da un pomeriggio del genere dunque il Cesena esce con due certezze: l’aver ancora sei squadre alle spalle e l’aver allungato rispetto a sabato di un +1 il vantaggio sul quintultimo posto (43 vs 41). 

Per rivivere tutte le azioni della partita: clicca qui

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.