Massimo Ranieri in scena
Massimo Ranieri in scena

Cesena, 27 dicembre 2018 - Dopo essersi esibito in Canada e negli Stati Uniti, Massimo Ranieri, l’istrione della canzone italiana, arriva a Cesena con il suo show ‘Sogno e Son Desto’. Lo spettacolo, che registra numeri da capogiro e un successo inedito, si rinnoverà nella città malatestiana in una nuova versione sospesa tra il gioco entusiasmante della fantasia e le emozioni più vere della vita.

L’appuntamento è per sabato 29 dicembre al Carisport quando alle 21 tutti i riflettori saranno puntati sul concerto replicato in Italia ben 400 volte dall’attore e cantante partenopeo. Ranieri infatti porterà a Cesena i suoi più grandi e applauditi successi musicali e anche qualche aneddoto e colpo di teatro tutti raccolti nello show ideato e scritto con Gualtiero Peirce. Resta immutata la formula vincente arricchita dai racconti dell’attore e narratore. In questa nuova versione senza perdere di vista il gusto irrinunciabile della tradizione umoristica napoletana e dei colpi di teatro, naturalmente non mancheranno le sorprese. Ma stavolta, soprattutto, Ranieri sarà se stesso ancora di più. In scena ci sarà un Massimo al 100%, che offrirà al suo pubblico tutto il meglio del suo repertorio più amato e più prestigioso anche grazie al sostegno dell’orchestra formata da Max Rosati (chitarra), Flavio Mazzocchi (pianoforte), Pierpaolo Ranieri (basso), Luca Trolli (batteria), Donato Sensini (fiati), Stefano Indino (fisarmonica).

Un viaggio poetico, quello scelto, che partendo da ‘Vent’anni’, ha fatto tante tappe con brani come ‘Mi troverai’, ‘Resta cu mme’, ‘Quagliarulo’, ‘La vestaglia’, ‘Se bruciasse la citta’, ‘Ho bisogno di te’, ‘Tu si ‘na cosa grande’, ‘Come so’ nervoso’, ‘Erba di casa mia’, ‘La pansè’, ‘Rose Rosse’ e ‘’O Marenariello’ fino a culminare con l’inno ‘Perdere l’amore’ ed i due bis finali ‘A pastiglia’ e ‘Anema e core’.

Inoltre, la tappa cesenate sarà anche un’occasione per annunciare il disco di inediti in uscita per il prossimo anno. Da Fossati all’amico Pino Donaggio, fino a Bruno Lauzi, Pino Daniele e Mauro Pagani, Ranieri riporterà al centro la grande melodia napoletana.