Cesenatico, 1 dicembre 2019 - Una cornice con le due aste del porto gremite, al tramonto è stato inaugurato il Presepe della Marineria, una rappresentazione unica al mondo allestita sulle barche antiche del museo di Cesenatico, giunta alla 34esima edizione.

Per la prima volta il palco è stato installato sul ponte di via Mazzini, dove, dopo il saluto delle autorità e degli amministratori, si è esibito dal vivo il coro «Werevolution», composto da una trentina di elementi tra cantanti e strumentisti, per una domenica di festa caratterizzata anche quest’anno dalle sorprese e novità, che si sviluppano assieme all’evento di fine anno tradizionale per antonomasia.

false

Dal 1986 anno della prima edizione ad oggi, si sono aggiunte parecchie statue alla Sacra Famiglia e ai Re Magi. Quella nuova dell’edizione 2019-2020, la 53esima, è un prodiere installato sul Trabaccolo da trasporto. Anche questa scultura è a grandezza naturale, con il volto e le parti esposte realizzate in legno di cirmolo, mentre l’abito è invece strutturato con un drappeggio colorato e modellato su una rete di metallo, ricoperto con cera pennellata a caldo, per renderlo più resistente.

Il Presepe della Marineria, realizzato dal comune di Cesenatico con il contributo di Gesturist, rimarrà allestito sino al 12 gennaio 2020.

Assieme al Presepe della Marineria è stato inaugurato anche il grande albero di Natale realizzato in piazza Pisacane da Rilegno, il consorzio nazionale per il recupero degli imballaggi. Ogni fine settimana e per tutto il periodo delle festività, il centro storico di Cesenatico, illuminato e addobbato a festa, ospiterà anche i tradizionali mercatini di Natale, concertini ed eventi dedicati a grandi e piccini, sul solco della tradizionale ospitalità che contraddistingue la gente del vecchio borgo di pescatori.