GIACOMO MASCELLANI
Cosa Fare

8 dicembre 2022, ponte dell’Immacolata: la Riviera verso il pienone

Alberghi, ristoranti e anche campeggi presi d’assalto dai t uristi fuori stagione: "Tanti clienti estivi tornano qui per ammirare il presepe della Marineria"

Cesena, 7 dicembre 2022 - Il mare d’inverno piace sempre di più. Dopo i due anni penalizzati dalla pandemia, gli alberghi, i ristoranti ed i locali della riviera, anche fuori stagione tornano a riempirsi di turisti, famiglie, coppie e comitive di amici desiderose di trascorrere momenti di relax. Per il lungo ponte dell’8 dicembre c’è già chi è sold out.

L'inaugurazione del presepe della marineria
L'inaugurazione del presepe della marineria

Gli alberghi sul lungomare sono gettonati e molti degli ospiti dell’8 dicembre sono famiglie di turisti che scelgono questa spiaggia anche durante l’estate, come è il caso dell’Hotel Miramare e del ristorante Capo del Molo gestiti dalla famiglia Vernocchi: "Ci sono tante prenotazioni e le camere in albergo sono quasi tutte esaurite – dice Manuel Vernocchi – Contiamo di occupare le restanti con il last minute, visto che ci sono parecchie richieste di informazioni e prenotazioni; fra queste abbiamo i nostri clienti affezionati dell’estate che tornano per vedere il Presepe della Marineria. Il ponte è allettante e i turisti della Lombardia hanno un giorno in più festivo, visto che il 7 dicembre ricorre Sant’Ambrogio; abbiamo una buona concomitanza di date e percepiamo tanta voglia di mare anche d’inverno".

Anche al Cesenatico Camping Village il direttore Terzo Martinetti registra un forte incremento della richiesta di vacanze all’aria aperta anche in inverno: "Il nostro piano promozionale ha già dato degli ottimi risultati in autunno e anche per le festività di fine anno il trend è molto buono. Per il ponte dell’8 dicembre ospiteremo 60 famiglie nelle case mobili, circa 240 persone, oltre a buona parte delle 400 famiglie di turisti che hanno la piazzola annuale e 150 piazzole volanti; in prospettiva abbiamo molte richieste anche per i fine settimana e le festività di fine anno".

I ristoranti si preparano al ponte con grandi prospettive e la storica Osteria da Beppe ha prenotazioni riservate da parecchi giorni: "Stiamo attraversando un buon momento _ dice il titolare Enrico Spada – Riceviamo molte chiamate e c’è tanta gente che vuole trascorrere le feste al mare gustando piatti di pesce anche durante l’inverno; per il ponte dell’8 dicembre saremo pieni. Le prenotazioni vengono da clienti affezionati dell’entroterra romagnolo e da turisti provenienti da Bologna, Modena e Reggio Emilia, quindi l’Emilia si conferma un bacino molto importante per noi. La carenza di personale ci mette in difficoltà, facciamo fatica a reperire persino i lavoratori stranieri, perchè ce ne sono sempre di meno, sanno fare poco, non parlano bene la nostra lingua e chiedono duemila euro al mese per un mestiere che di fatto non conoscono". Anche il ristorante "Casa Tua" di Silvano Albonetti sta lavorando alla grande: "E’ un ottimo periodo, per le serate del ponte dell’8 dicembre abbiamo tutti i tavoli occupati e anche nei fine settimana successivi ci sono giorni in cui siamo già ‘murati’ e questo è un ottimo segnale per noi e per la nostra città". Al 12 Ristorante in via Armellini, il padrone di casa Maurizio Chiarucci è pronto ad affrontare le festività: "Si lavora bene e auspichiamo di poter ospitare al meglio i clienti; la contrazione dei consumi e le incertezze dovute a vari fattori si fanno sentire, ma le prenotazioni ci sono, anche se il problema del personale si sente anche d’inverno e noi abbiamo bisogno di forza lavoro per garantire la qualità del servizio".