Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
26 mag 2022

Addio a Silvia e Ugo Oggi le esequie a Sarsina

Rito funebre alle 17 in cattedrale officiato dal vescovo Douglas Regattieri. Raccolta fondi a sostegno della famiglia avviata dagli istituti Ior e Irst

26 mag 2022
Ugo Beltrammi e Silvia Ruscelli
Ugo Beltrammi e Silvia Ruscelli
Ugo Beltrammi e Silvia Ruscelli
Ugo Beltrammi e Silvia Ruscelli
Ugo Beltrammi e Silvia Ruscelli
Ugo Beltrammi e Silvia Ruscelli

Uniti per sostenere la famiglia di Silvia Ruscelli e Ugo Beltrammi. Parte dagli istituti Ior e Irst la raccolta fondi organizzata per dare un contributo economico ai famigliari dei due coniugi di Sarsina, che venerdì pomeriggio hanno perso la vita in un incidente stradale in moto a Riva del Garda. Oggi alle 17 nella concattedrale di Sarsina si terranno le esequie, celebrerà il vescovo Douglas Regattieri. Dalle 10 di oggi fino al momento del funerale si potrà visitare la camera ardente allestita al testro Silvio Pellico.

La coppia (lei 47enne di professione oncologa dipendente all’Irst e del Bufalini, e lui 49enne impiegato al comune di Mercato Saraceno come geometra) lascia tre figlie di 8, 13 e 17 anni. I due coniugi viaggiavano in moto verso Trento, venerdì poco prima delle 17 per recarsi al concerto di Vasco Rossi, assieme a una coppia di amici. Avevano appena lasciato l’albergo dove aveva trascorso la notte e stavano percorrendo la Gardesana all’altezza di Dro. Un sorpasso di un camion, forse azzardato, e in prossimità di una curva, gli è costato la vita. La moto ha sbandato contro l’autoarticolato e Silvia Ruscelli e Ugo Beltrammi sono morti sul colpo. Oltre al dolore immenso, si aggiunge la desolazione per una perdita così prematura ed improvvisa e il pensiero immediato è rivolto alle tre figlie dei due cittadini di Sarsina: Giulia, Marta ed Irene.

Per questo motivo i colleghi di Silvia Ruscelli, che fanno parte del Gruppo di Patologia Epatobiliare e Gastroenterico dell’Irst ‘Dino Amadori’ di Meldola, con a capo il dottor Giovanni Luca Frassineti, si sono rivolti all’Istituto Oncologico Romagnolo per avviare una campagna di crowdfunding. Oltre a mettere a disposizione la propria piattaforma www.insiemeachicura.it, con l’unico fine del mantenimento delle bambine, lo Ior ha contribuito con una donazione di 5.000 euro.

Chiunque potrà fare la propria offerta, donando all’indirizzo https:www.insiemeachicura.itin-memoriain-ricordo-di-silvia-ruscelli. "Ci è sembrato l’unico modo sensato di reagire ad una tragedia che di sensato non ha nulla - spiega il direttore generale dello Ior, Fabrizio Miserocchi - riteniamo che sia la maniera migliore per restituire qualcosa ad una persona che ha dato tanto alla lotta contro il cancro in Romagna. Silvia era conosciuta come una professionista esemplare, empatica, dolce e solare, e così ce la ricorderemo per sempre".

"La scomparsa di Silvia e del marito Ugo ci ha toccato nel profondo, lasciandoci attoniti - aggiunge il dott. Giorgio Martelli, direttore generale Irst ‘Dino Amadori’ Irccs - sono momenti bui per tutti noi, per i colleghi che lavoravano ogni giorno al suo fianco, all’Irst e all’Ospedale Bufalini". Oltre alla donazione online è possibile partecipare al crowdfunding tramite bonifico bancario all’Associazione Volontari e Amici dell’Istituto Oncologico Romagnolo OdV (Iban: IT20A0538713202000003061433) specificando nella causale il titolo della raccolta fondi, "In Ricordo di Silvia".

Annamaria Senni

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?